Cassino, dieci consiglieri d'opposizione sfiduciano il sindaco Carlo Maria D'Alessandro

La richiesta è stata protocollata dal capogruppo Giuseppe Golini Petrarcone e dai colleghi Enzo Salera e Giuseppe Sebastianelli che parlano di 'atto dovuto verso una città in agonia'

Da sx Salera, Petrarcone, Sebastianelli

La resa dei conti per l'amministrazione capeggiata da Carlo Maria D'Alessandro potrebbe arrivare entro venti giorni. Quando la mozione di sfiducia, protocollata da dieci consiglieri comunali di opposizione, verrà discussa nell'assise civica ed alla quale dovranno aggiungersi altri tre componenti del consiglio per far "cadere" il primo cittadino che nei giorni scorsi prima si era dimesso e poi aveva ritirato le dimissioni.

Cosa accadrà

L'iniziativa che, come ribadito più volte dal capogruppo di minoranza, l'ex sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, 'è un atto dovuto e di rispetto verso una città in agonia', è stata ufficializzata questa mattina con la consegna da parte oltre che di Petrarcone anche di Enzo Salera e Giuseppe Sebastianelli, del documento vergato anche da Edilio Terranova, Francesco Mosillo, Massimiliano Mignanelli, Barbara Di Rosso, Sabrina Grossi, Alessandro D'Ambrosio e Sara Grieco. Il protocollo ha ora venti giorni di tempo per trasmettere gli atti al presidente del Consiglio Comununale, Dino Secondino, che a sua volta, ha dieci giorni di tempo per fissare la data della seduta di aula. 

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Opposizione extra-consiglio

"Il partito democratico di Cassino plaude alla compattezza, all’impegno e alla determinazione messa in campo dai consiglieri comunali di opposizione tutti e a quelli aderenti al PD presenti all’interno della sala “Di Biasio” del Comune di Cassino - scrivono Marino Fardelli, Armando Russo e Romeo Fiondaper aver sottoscritto la mozione di sfiducia al sindaco di Cassino e alla sua maggioranza. Mentre la città di Cassino è in ginocchio con quartieri o frazioni abbandonate, con un centro cittadino davvero triste per di più alla vigilia delle feste natalizie registriamo però un dato politico chiaro senza smentita alcuna: con questo atto politicamente importante sappiamo ora e sapremo al momento del voto in Aula chi è maggioranza e chi opposizione. Serviva chiarezza. Come Partito Democratico siamo pronti ad ogni azione per mandare a casa questo (mal) governo cittadino. Abbiamo dimostrato che il PD di Cassino, che discute e ragiona al proprio interno, ha una linea chiara: ritorno alle urne con una proposta credibile senza libro dei sogni. A chi aveva dubbi e diffidenza contro il PD dovrà ricredersi. Noi siamo pronti dialogando con chi vuole costruire". Nel momento del protocollo della richiesta di sfiducia era presente anche l'opposizione extra-consigliare rappresentata dal segretario provinciale del movimento dello Scarpone, Niki Dragonetti. "I cittadini vanno tutelati da un'amministrazione incapace e allo sbando che ha fatto sprofondare la nostra bella Cassino in un abisso".

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Caricamento in corso...
Caricamento dello spot...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, fiumi di droga dagli appartamenti Ater al resto della città. Ecco chi sono i sei arrestati (foto e video)

  • Bimbo di tre anni precipita dal secondo piano mentre gioca con una sedia (video)

  • Arpino, i genitori 'alzano la voce' sulle scelte della dirigente scolastica: "Vogliamo tutelare i diritti dei nostri figli"

  • Omicidio Mollicone, le struggenti parole del militare-poeta

  • Simone Maini esce di strada con l’auto e muore tra le lamiere

  • Morte di Simone Maini, indagati un ingegnere e i due agricoltori. Oggi l'ultimo saluto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento