Cassino, bimbi maltrattati, il sindaco D'Alessandro ringrazia la Polizia di Stato

Il plauso del primo cittadino a conclusione delle indagini che hanno consentito di far emergere presunti maltrattamenti a danno dei piccoli alunni della scuola dell'Infanzia di via Zamosch

"Quanto accaduto nell'asilo di via Zamosch ci lascia tutti sgomenti e il primo pensiero va ai genitori dei bambini e ai loro figli che hanno subito i maltrattamenti - spiega il sindaco Carlo Maria D'Alessandro -. Quando noi portiamo i nostri figli a scuola lo facciamo nella convinzione che trascorreranno delle giornate all'insegna dello studio, del divertimento e della serenità e questi atti sono da condannare sempre perché i bambini, che rappresentano il nostro futuro, non si toccano nemmeno con un fiore, anzi, si accarezzano con un fiore. Voglio ringraziare le forze dell'ordine e la magistratura per il lavoro svolto finora confermando loro non solo il sostegno ma anche la disponibilità, come nel passato così nel futuro, finalizzata all'accertamento di questi reati che vanno condannati da ogni punto di vista".

La difesa del corpo docente

"Ma come figlio di una maestra di scuola elementare e di un professore di scuola media e come sindaco della città di Cassino - prosegue - ho il dovere di difendere il Corpo Docente degli istituti comprensivi di Cassino che con spirito di abnegazione svolge costantemente, con grande sacrificio e con grande passione, il proprio mestiere perché non è corretto generalizzare in nessun caso, tantomeno in questo. Spero che il lavoro della magistratura e delle forze dell'ordine vada avanti speditamente per consentire di lasciarci alle spalle questa brutta storia e di tornare a vivere l'istituzione scolastica all'interno della città e in armonia come una comunità richiede".

Potrebbe interessarti

  • Coop, ultima settimana di attività: chiusura fissata per il 22 giugno

  • Incendio alla Mecoris, livelli di Pm10 alti. Chiusi gli uffici pubblici e stop alle attività private

  • Ha pedalato per 19 ore di seguito lungo i tornanti di Montecassino, è record

  • Il Lazio Pride? Una partenza con il botto

I più letti della settimana

  • Coop, ultima settimana di attività: chiusura fissata per il 22 giugno

  • Brucia azienda di smaltimento rifiuti speciali, nube nera su Frosinone. Aria irrespirabile

  • Ceprano, giornalista muore dopo essere stata al pronto soccorso, sequestrata la salma

  • Roccasecca, tre vigili urbani non vanno in processione: condannati a sei mesi di carcere

  • Strangolagalli, imprenditrice di 47 anni, schiacciata da un muletto, una morte tinta di giallo

  • Alatri, scopre il tradimento del marito e armata di bastone tende un agguato alla rivale

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento