Cervaro, Angelo D'Aliesio ha dato le dimissioni da sindaco

In una lettera inviata al Presidente del Consiglio ed al Segretario Comunale rimette il mandato da primo cittadino. Lunedì la consegna all'ufficio protocollo

Angelo D'Aliesio, sindaco di Cervaro, ha annunciato le sue dimissioni dalla carica di primo cittadino. L'atto verrà ufficializzato nella giornata di lunedì. La decisione maturata dopo giorni di 'vetriolo' da parte dell'opposizione e dopo alcuni dissapori all'interno della maggioranza che nella giornata di ieri hanno portato alla dimissione del vice sindaco Tiziana De Camillo. La 'guerra politica' in Comune ha avuto inizio dieci giorni fa con l'arresto per 'corruzione e turbativa d'asta' del sindaco, di due assessori, del tecnico comunale e di un imprenditore di Veroli che gestisce l'appalto per la raccolta dei rifiuti solidi urbani in paese. I cinque sono stati intercettati dalla Procura Antimafia, nel corso di un'altra inchiesta legata allo smaltimento illecito di rifiuti, e la stessa magistratura romana ha inviato gli atti alla Procura di Cassino. Il magistrato Emanuele De Franco, titolare del fascicolo, con la stretta collaborazione dei Carabinieri Forestali del Gruppo di Frosinone, il 4 giugno ha dato esecuzione alle ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip Sodano. Nei giorni scorsi il Gip del tribunale di Cassino, Francesco Armato, ha rimesso in libertà i tre amministratori ed il tecnico che sono difesi dagli avvocati Sandro Salera, Paolo Marandola e Giuseppe Di Mascio.

La lettera

Nello scritto, inviato al Presidente del Consiglio Comunale, Andrea Coletta ed il Segretario Comunale, il dottor D'Aliesio spiega che: "Pur esprimendo apprezzamento, al Prefetto di Frosinone, Ignazio Portelli, per il provvedimento di revoca della mia sospensione dalla carica di Sindaco del Comune di Cervaro, dopo attenta e sofferta riflessione, è prevalsa in me l’esigenza di sentirmi libero di difendermi nel procedimento a mio carico, nel corso del quale, confermando la piena fiducia nella giustizia, sono certo, che verrà fatta totale chiarezza sulla mia posizione e verranno riconosciute la mia assoluta innocenza ed estrneità ai fatti che mi vengono contestati".

L'accanimento mediatico

"In questi giorni la mia esistenza è stata segnata da alcuni fattori negativi, primo tra tutti quello di non poter essere utile, in qualità di medico, ai miei pazienti, l’altro il tourbillon dei media e dei social network di cui sono stato bersaglio, in maniera offensiva e denigratoria, io e la mia famiglia. Di contro, esprimo il mio compiacimento, alla magistratura e alle forze dell’ordine, per l’umanità con la quale hanno trattato la mia persona durante questo difficile periodo. Considerato che il governo del paese ha bisogno di impegno e di serenità, cosa che in questo momento io sottoscritto non posso garantire, ho scelto di fare un passo doloroso ma necessario: dimettermi dall’incarico di Sindaco della Città di Cervaro".

Il rispetto verso i cittadini

"So che in politica non è una prassi consueta, ma non ho mai sentito come prioritario, a parte il rispetto alla stima e all’amicizia dei miei concittadini, l’attaccamento alla poltrona da Sindaco. Ho sempre vissuto del mio lavoro e intendo continuare a farlo anche in futuro. Ringrazio tutti i compagni di viaggio, assessori e consiglieri comunali, che hanno collaborato con me nell difficile compito di amministrare Cervaro. Ringrazio, soprattutto i cittadini che nel 2012 e successivamente il 2017, che con il loro consenso, in maniera quasi plebiscitaria, mi hanno manifestato stima e permesso di essere a capo di questa Amministrazione. Ho avuto e avrò sempre rispetto per tutti e continuerò a servire la collettività come medico con dedizione e passione per la mia professione".

L'opposizione

"Mostro vicinanza all'uomo Angelo perchè prendere una simile e sofferta decisione non è da tutti, è anche un atto dovuto. In questo modo il dottor D'Aliesio potrà difendersi nelle sedi opportune e con il coraggio che da sempre lo ha contraddistinto - spiega Pietro Pacitti, consigliere di minoranza -. Lo ringrazio perché da sindaco ha sempre fatto quanto meglio poteva ed a lui auguro ogni bene".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colleferro, operaio morto nella discarica: indagato l'autista del compattatore

  • Cassino, bus tampona compattatore dei rifiuti, grave l'autista (foto)

  • Colleferro, operaio muore all'interno della discarica di Colle Fagiolara

  • Piglio-Anagni, rifiuti e mazzette. Gare vinte grazie a soldi ed auto a noleggio al tecnico comunale

  • Cassino, 'movida' da panico tra grida, pugni e colpi di pistola in aria

  • Omicidio Mollicone, la famiglia Mottola rompe il silenzio: "Innocenti, possiamo dimostrarlo"

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento