Coronavirus in Ciociaria, bollettino 23 maggio: due nuovi casi positivi e nessun decesso

Dal Santa Scolastica di Cassino al Covid Hospital di Frosinone, però, è stato appena trasferito un ulteriore infetto, un 77enne. D'Amato:'L'Iss indica per il Lazio un rischio basso'. Ecco perché dal 25 maggio ripartiranno anche palestre e piscine

La task force regionale per il Covid-19, nel suo bollettino del 23 maggio relativo alla provincia di Frosinone, riporta due nuovi casi di positività al Coronavirus e, fortunatamente, nessun decesso. Dai corridoi dell'ospedale Santa Scolastica di Cassino, però, trapela la notizia riguardante un ulteriore contagio. Si tratta di un 77enne, che è stato trasferito al Covid Hospital Spaziani di Frosinone, e che rientrerà tra gli infetti che verranno resi noti domani dall'Unità di crisi regionale.

++ Articolo aggiornato alle 19:00 ++

D'Amato: "Oggi il dato più basso dal 10 marzo"

"Oggi - ha commentato l'Assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato al termine della videoconferenza con i Direttori generali delle Aziende sanitarie e ospedaliere del Lazio - registriamo un dato di 18 casi positivi nelle ultime 24h si tratta del dato più basso dal 10 marzo e un trend a 0,2%. Il numero dei guariti nelle ultime 24h è cresciuto di 65 unità. Proseguono le attività per i test sierologici agli operatori sanitari e delle Forze dell’Ordine, l’obiettivo è quello di testare, tracciare e trattare. I decessi sono stati 3 - ha attestato in conclusione - ai quali si aggiungono 4 recuperi di notifiche, mentre continuano a crescere i guariti che sono arrivati a 3.350 totali e i tamponi totali eseguiti sono stati circa 231 mila". In provincia di Frosinone, il Ministero della Salute ha validato 612 casi totali, che rientrano tra i 7.607 laziali. Di questi 2.424 sono in isolamento domiciliare, 1.097 ricoverati con sintomi e 60 in Terapia Intensiva. Infine, le persone dichiarate clinicamente guarite sono 3.350 e i deceduti ammontano ora a 676. 

Coronavirus, dal 25 maggio riaprono palestre, piscine e scuole d’arte e di lingue

“Il Report settimanale di monitoraggio dell’ISS (Istituto superiore di sanità, ndr) indica per il Lazio un rischio ‘basso’ e indicatori in miglioramento”, ha già informato l’Assessore D’Amato. Nel frattempo, a livello regionale gli attuali positivi al Coronavirus sono 3.635, il Ministero della Salute ha validato 610 casi totali in provincia di Frosinone e dallo Spallanzani di Roma hanno confermato la sperimentazione in atto della terapia col plasma iperimmune. È proprio grazie al trend positivo, anche se la monitorante Fondazione Gimbe continua a vedere il Lazio in “fase di riscaldamento”, che il Governatore del Lazio Nicola Zingaretti ha disposto il riavvio graduale di ulteriori attività economiche, produttive e sociali con l’ordinanza n. Z00042 del 19 maggio.

Lunedì 25 maggio, dopo le strutture ricettive extralberghiere e l’attività escursionistica e con tanto di distanziamento sociale e le altre dovute accortezze anti Covid-19, potranno ripartire palestre e piscine, la somministrazione di bevande nei centri sportivi, ricreativi e culturali – presso questi ultimi ancora sospesi eventi e spettacoli aperti al pubblico – nonché, al netto del perdurante blocco delle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica, l’attività corsistica individuale presso, tra le altre, le scuole d’arte (musica, danza, pittura, fotografia e teatro) e di lingue straniere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo, a proposito di terme, lo stesso D’Amato ha fatto presente che “abbiamo emanato una circolare per la riapertura a partire dal 28 di maggio dell’assistenza sanitaria funzionale all’erogazione dei Lea (Livelli Essenziali di Assistenza) da parte dei centri termali. Avranno una settimana di tempo per organizzare i percorsi e adottare tutte le misure di prevenzione e sanificazione necessarie”. Infine, a partire da venerdì 29 maggio, è stata fissata la riapertura di stabilimenti balneari e lacuali, spiagge libere, parchi tematici, zoo, luna park, campeggi e villaggi turistici. Per rimettere in moto il turismo, quindi, bisognerà attendere la metà della prossima settimana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Guglielmo Mollicone, il padre che non ha smesso mai di lottare per la verità

  • Ceccano, arrestati ‘Sandokan’ e due familiari. Hanno aggredito Morello, troupe di ‘Striscia la notizia’ e Carabinieri

  • Cassinate, terribile schianto nella notte: grave coppia di fidanzati

  • Coronavirus, test sierologici. Ecco i 15 comuni della provincia di Frosinone scelti per l'indagine

  • Cassino, coltello in pugno crea il panico all'ufficio postale (video)

  • Coronavirus, bollettino 27 maggio: risultato positivo un medico della provincia di Frosinone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento