Fiuggi, invasione di gamberi giganti a Canterno. Sale la preoccupazione degli agricoltori

Da alcune settimane questo grosso crostaceo che arriva dal centro-sud America ha trovato casa sulle rive del lago

Sta diventando una vera e propria invasione quella dei gamberi giganti della Louisiana che in questi giorni si stanno moltiplicando a vista d’occhio sulle rive del lago di Canterno di Fiuggi nel nord della Ciociaria. Un’invasione che sta facendo crescere la preoccupazione tra gli agricoltori della zona perché questo gambero chiamato con il nome scientifico Procambarus clarkii è conosciuto anche come Gambero killer perché si nutre di qualsiasi materiale organico gli capita a tiro.

“Il Procambarus clarkii –spiega l’esperto Andrea Mangoni sul suo sito internet - è un crostaceo decapode diffuso in natura nelle regioni centro meridionali degli USA e nel Messico settentrionale. Si tratta di un grosso gambero legato alle acque dolci o lievemente salmastre, dal corpo nero-bruno con ampie zone degli arti e del carapace di un bel rosso brillante. Può raggiungere e superare una dimensione di 12 cm di lunghezza, chele escluse, e un peso di 50 grammi. I maschi sono più grossi delle femmine, hanno chele più sviluppate e alla base dell'addome presentano due paia di pleopodi modificati per trasferire le spermatofore alla compagna durante l'atto riproduttivo. I gamberi della Louisiana sono sessualmente attivi, in condizioni ottimali, già dopo 3-5 mesi di vita. Ogni femmina può deporre fino a oltre 600 uova, che schiudono in poche settimane, a seconda della temperatura ambientale”.

Il suo habitat

“Il Procambarus clarkii – prosegue mangoni - vive in quasi ogni genere di acque, tollerando bene anche quelle con basse percentuali di ossigeno disciolto, lievemente salmastre o inquinate. Sopporta temperature estreme e prosciugamento degli habitat vitali grazie a una peculiare caratteristica etologica: la tendenza a scavare gallerie, profonde fino a un metro e oltre, negli argini dei fiumi o dei canali in cui vive. In queste gallerie il gambero della Louisiana affronta i momenti più delicati della propria esistenza, come la muta o la deposizione delle uova, oltre a rifugiarvisi in caso di penuria idrica. Vista la dirompente esplosione demografica di cui si dimostra capace questa specie, immaginate l'effetto di migliaia e migliaia di queste gallerie sugli argini di fiumi e canali, specie di piccole dimensioni: il rischio di cedimenti e crolli non è assolutamente solo teorico”.

La preoccupazione di Legambiente

“Siamo molto preoccupati – spiega il responsabile di Legambiente Fiuggi Enzo Pirazzi - dalla massiccia presenza di questi gamberi giganti che ormai hanno preso possesso del nostro territorio. Rivolgo un appello ai sindaci dei Comuni rivieraschi e alle autorità competenti per bloccare questa ennesima emergenza ambientale”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Giovane vola giù dal balcone in piena notte e muore sul colpo

  • Scappa di casa con la figlioletta. Torna, la lascia con il padre e se va dal suo nuovo amore conosciuto in rete

  • Incidente sul lavoro, falegname si amputa tre dita di una mano, è grave

  • Alatri, l'ultimo e straziante saluto a Marco Cialone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento