Agenzia Frosinone Formazione, Alessandra Sardellitti (Pd) ne illustra le novità

Il consigliere provinciale delegato al tema entusiasta: “Competenza, qualità e razionalizzazione dei costi. Gli obiettivi sono ambiziosi e li centreremo”

“La Provincia di Frosinone ha sempre creduto, e continua a credere, nel diritto dovere di istruzione e formazione quale imprescindibile funzione delegata dalla Regione Lazio”.

Va dritta al punto Alessandra Sardellitti, consigliere provinciale con delega saanche all’Agenzia Frosinone Formazione. Premette: “A settembre parte un nuovo anno formativo dell’Agenzia Frosinone Formazione: evidente come siano stati premiati lo sforzo della Provincia e la gestione, oculata e responsabile, di un ente in liquidazione che rappresenta, comunque, un organismo fondamentale per la formazione dei giovani che si avviano a entrare nel mondo del lavoro”.

Si volta pagina

Poi spiega: “Si apre una fase nuova ed entusiasmante per l’Agenzia di Formazione. Per la fine dell’anno si chiuderà il capitolo legato alla liquidazione del vecchio organismo. E si darà il via non soltanto ad una nuova stagione, ma ad una stagione nuova. La Provincia ha dimostrato con i fatti di tenere molto a questo tema. Lo ha fatto in passato, quando si sono evidenziati problemi soprattutto economici dell’Agenzia, legati al periodo che è andato dal 2004 al 2009. Per evidenti problemi di gestione. Beh, la Provincia ha coperto debiti di 5 milioni di euro, dovuti in particolare al mancato pagamento di forniture e consulenze. Ci crede anche oggi e il presidente Antonio Pompeo lo ha dimostrato con i fatti. Penso alla delibera 24 del 28 agosto 2018, con la quale è stata messa in liquidazione la vecchia Agenzia, ponendo le basi per la nascita di un nuovo organismo.

Guardando al futuro

È stato presentato un Piano industriale alla Regione Lazio, chiamata a valutare gli obiettivi. Piano industriale per il quale sono stati ascoltati i sindacati. E a settembre ci sarà un nuovo incontro con le parti sociali, già riconvocate. Gli obiettivi della nuova Agenzia sono quelli dello sviluppo organizzativo e dell’equilibrio di gestione. I costi dovranno essere compatibili con le entrate. L’orizzonte operativo è quello del mondo del lavoro e il valore aggiunto non potrà che essere la qualità. Ecco perché è previsto l’aggiornamento professionale del corpo docente.

Dobbiamo sempre tenere presente che parliamo di una platea di studenti di età compresa tra i 14 e i 18 anni. È fondamentale un ampliamento dei servizi, come è importante che gli stessi siano concepiti, strutturati e portati avanti in stretto contatto con le esigenze del mondo del lavoro e dell’imprenditoria. Ribadisco: il profilo della nuova Agenzia sarà più snello e per fare questo è necessaria una razionalizzazione dei costi e delle procedure. Con un corpo docente ancora più formato ed efficiente. Tutto questo è stato possibile grazie allo straordinario lavoro dei dirigenti e del personale dell’Agenzia Frosinone Formazione e grazie al ruolo svolto dal commissario straordinario, avvocato Fabrizio Zoli, e dalla dottoressa Michela Micheli, direttore generale della Provincia. Ma è evidente a tutti che nulla sarebbe stato possibile senza la regia del presidente Antonio Pompeo.

La rete di rapporti

A proposito di collegamento con il mondo del lavoro e delle imprese, sono state individuate categorie importanti: penso al Distretto industriale di Cassino, al Polo chimico di Anagni, al Laboratorio di sartoria del sorano, al mondo dei Trasporti, autentica eccellenza in Ciociaria. Tutti ambiti delicati e importanti, nei quali c’è bisogno di figure professionali formate e competenti. Senza naturalmente perdere di vista le figure tradizionali alle quali guarda l’Agenzia: mi riferisco al settore dell’enogastronomia, agli operatori della Meccatronica, agli operatori del Benessere. Sono settori sui quali intendiamo continuare a puntare, perfino migliorandoli nonostante un livello già altissimo.

Ma siamo attenti anche ad ampliare la gamma dei servizi. Penso a quelli a domanda individuale. Sono altresì previsti accordi e convenzioni con strutture sociali: i servizi a sostegno delle fasce di disagio sono imprescindibili.

Si tratta di obiettivi ambiziosi, che saranno centrati senza nessun taglio al Personale, una parte del quale anzi sarà riqualificato. Le sedi rimarranno le stesse, per assicurare la completa copertura del territorio provinciale: Frosinone, Anagni, Ferentino, Cassino, Sora. Competenze e razionalizzazione delle spese: è questo il mix vincente. Con la stella polare della qualità, per rendere attrattiva l’offerta dell’Agenzia Frosinone Formazione. Infine, colgo l’occasione per ringraziare il presidente Antonio Pompeo per la fiducia che ha voluto accordarmi affidandomi la delega all’Agenzia".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba tolta alla madre, irruzione dei poliziotti nella casa famiglia

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Suora indagata, un'altra mamma racconta: "faceva dormire mia figlia nel letto intriso di urine"

  • La moglie muore in ospedale, il marito indagato per maltrattamenti e lesioni

  • Sanità, addio codice rosso nei Pronto Soccorso. Dal 2020 i numeri sostituiranno i colori

  • Alatri, Francesco Scarsella accusato di omicidio stradale sconterà la pena ai domiciliari

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento