Alessandra Sardellitti (Pd): "Lazio Pride? Un’ondata di fresca libertà"

La consigliera comunale interviene in merito al percorso della parata. "È importante che sia definito nel cuore nel capoluogo e non relegarlo in periferia"

"Il Lazio Pride è un’ondata di fresca libertà e rappresenta un’opportunità straordinaria per la città di Frosinone". Alessandra Sardellitti, consigliera comunale del Pd di Frosinone, esprime il suo massimo sostegno in favore della manifestazione per i diritti Lgbt+ che il 22 giugno tingerà le strade del capoluogo con i colori dell'arcobaleno. Non è ancora chiaro quale sarà il percorso segnato dalla scia multicolore. In questi giorni si sta dibattendo sull'argomento che vede il comitato organizzatore avanzare la proposta di inserire nel tragitto via Aldo Moro e corso della Repubblica e l'Amministrazione comunale che invece opterebbe per strade meno centrali. 

La scelta su Frosinone

Sul punto è intervenuta la consigliera Sardellitti che preme affinchè la parata sfili nel cuore di Frosinone. "Ritengo che la manifestazione del prossimo 22 giugno debba essere analizzata e contestualizzata senza alcun pregiudizio. Cominciamo con il sottolineare che Frosinone è stata scelta per il fatto di essere stata la più indicata sui social network. Questa circostanza non può non essere valutata, perché vuol dire che c’è stata una forte pressione da parte del territorio, specialmente da parte di chi è stanco di nascondersi o di essere discriminato per il proprio orientamento sessuale. Negare questo elemento significa voler chiudere gli occhi di fronte ad un’aspettativa che nasce dal rispetto di un diritto ma anche da un evidente disagio.

Un giorno di festa

In secondo luogo, visto che le due precedenti manifestazioni del Lazio Pride si sono svolte a Latina, l’evento del 22 giugno dà la possibilità a Frosinone di dimostrare di essere un capoluogo all’altezza della situazione, con un respiro politico, sociale e culturale più ampio di quello del quale veniamo accreditati da moltissimi luoghi comuni.
Per la sottoscritta il 22 giugno sarà un giorno di festa. Sono perfettamente consapevole che il Gay Pride ha anche elementi di folklore (i carri, i colori, gli slogan, le “provocazioni”) e che quel folklore può creare turbamento in alcuni. Ma quel folklore trasmette in realtà dei messaggi, che vanno inquadrati in un perimetro civico di rispetto e di tolleranza. Il Gay Pride è una opportunità importante per lanciare messaggi di solidarietà nei confronti di una minoranza che va tutelata e che merita un riconoscimento di dignità. E di orgoglio. D’altronde non si chiamerebbe Pride. Si tratta di un’ondata di fresca libertà: è così che vedo e sento l’evento. È importante lottare e far valere a viso aperto i diritti di chi in passato ha subito soprusi, angherie ed umiliazioni. E che in molti casi, purtroppo, continua a subirli.

Sfilare nel centro della città

E veniamo al percorso del Gay Pride a Frosinone: è importante che sia definito nel cuore del capoluogo. Altrimenti che senso avrebbe? Che senso avrebbe, aggiungo, confinarlo in località Casaleno? E non è affatto vero, come ho sentito in questi giorni, che un evento del genere andrebbe a penalizzare i negozi e le attività di Frosinone. Al contrario determinerebbe dei vantaggi. Non si può relegare il Gay Pride in periferia: sarebbe un evidente ed enorme segnale di debolezza e di mancanza di coraggio. Certamente potranno esserci degli atteggiamenti sopra le righe, certamente mi aspetto polemiche e perfino parole in libertà. Ma alla fine è la sostanza che conta: il Gay Pride a Frosinone è un’opportunità, una giornata di festa e un’occasione per affermare diritti. C’è bisogno di un’apertura totale nei confronti della manifestazione. Occorrono coraggio, responsabilità, rispetto e tolleranza".
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba tolta alla madre, irruzione dei poliziotti nella casa famiglia

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Suora indagata, un'altra mamma racconta: "faceva dormire mia figlia nel letto intriso di urine"

  • Sanità, addio codice rosso nei Pronto Soccorso. Dal 2020 i numeri sostituiranno i colori

  • Alatri, Francesco Scarsella accusato di omicidio stradale sconterà la pena ai domiciliari

  • Intasca 10 mila euro che doveva versare al cliente, avvocato condannato

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento