Servizio scuolabus, il Comune si attiva con l'integrazione di due pulmini

Un totale di 75 posti la cui occupazione sarà garantita, in via prioritaria, agli alunni con certificazione ISEE del nucleo familiare di appartenenza inferiore ai 12.000 euro/annua, e agli alunni con disabilità

La giunta Ottaviani, in questi giorni, sta cercando di trovare la possibilità di sostenere le famiglie di quanti intendono avvalersi del servizio dello scuolabus, dopo che diverse sezioni della Corte dei Conti hanno statuito che il trasporto scolastico debba ritenersi un servizio a domanda individuale, senza l'opzione che lo stesso possa ricadere sulla fiscalità generale di tutti i cittadini.

Nelle passate settimane il problema era stato sollevato dai consiglieri di opposizione Daniele Riggi ed Angelo Pizzutelli e discusso durante i lavori della Commissione alla Pubblica Istruzione, al termine dei quali era emersa una situazione non rassicurante sul futuro del servizio che in qualche modo avrebbe leso anche il diritto allo studio. Ora arriva la comunicazione da parte dell'ente di piazza VI dicembre circa una novità che "accenderà i motori" a partire dal prossimo anno scolastico.

"La giunta Ottaviani - si legge nella nota -, in realtà, negli ultimi anni, aveva deliberato di lasciare invariati i costi per l’utenza per il servizio di trasporto scolastico, ribadendo così anche la volontà di sostenere il diritto allo studio a favore degli alunni residenti nel territorio comunale e di disincentivare l’utilizzo di trasporti individuali a favore di quelli collettivi, a tutela dell’ambiente.  Per questo motivo, nonostante gli investimenti compiuti, da parte dell'amministrazione, nel settore del servizio di trasporto scolastico (in assenza di adeguati contributi statali e regionali), si è reso necessario un intervento di ottimizzazione per continuare ad assicurare un servizio di qualità all'utenza. 

Servizio aggiuntivo

Al fine di implementare il servizio nella città per le zone periferiche, l’amministrazione Ottaviani, mediante l’assessorato ai servizi sociali coordinato da Massimiliano Tagliaferri, ha attivato, per il prossimo anno scolastico, un servizio navetta aggiuntivo con due pulmini, che osserveranno un orario spezzato, con capienza complessiva di 75 posti. L’occupazione dei posti totali, come da indicazioni del settore welfare, dunque, sarà garantita, in via prioritaria, agli alunni la cui certificazione ISEE del nucleo familiare di appartenenza risulti inferiore ai 12.000 euro/annua, e agli alunni con disabilità. 

Riconversione del personale

La giunta comunale, nella medesima delibera, in considerazione dell’eccedenza di 10 autisti di scuolabus di cui 2 utilizzati, a fronte dell’equilibrio economico finanziario del servizio, dà indicazioni al dirigente di verificare l’eventuale riconversione del personale quali ausiliari del traffico, in materia di attività di segnaletica stradale o altri servizi affidati all’esterno con relativo corrispondente risparmio della spesa sostenuta, fermo restando che, in caso di ricollocazione, il personale dovrà provvedere ad eventuali sostituzioni degli autisti di scuolabus restanti". 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Frosinone usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba tolta alla madre, irruzione dei poliziotti nella casa famiglia

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Suora indagata, un'altra mamma racconta: "faceva dormire mia figlia nel letto intriso di urine"

  • Marco Luccarelli è scomparso da una settimana. L'appello del padre: "aiutatemi a ritrovare mio figlio"

  • La moglie muore in ospedale, il marito indagato per maltrattamenti e lesioni

  • “Vivo con le volpi dentro casa”. Con i lavori al polo logistico colleferrino gli animali scappano in cerca di cibo (video)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento