Isola del Liri, prosegue il tour della campagna informativa “Difenditi dalle truffe” promossa dall'Arma

Lo scopo è quello di fornire a tutti, con maggior riguardo agli anziani, preziosi consigli per evitare di essere raggirati. Ecco i prossimi appuntamenti in agenda

Prosegue in tutto il territorio ciociaro la campagna informativa “Difenditi dalle truffe”, organizzata dal comando provinciale carabinieri di Frosinone, con il patrocinio della camera di commercio. Ieri pomeriggio, presso il teatro stabile di Isola del Liri, il comandante della Compagnia carabinieri di Sora ha tenuto un ulteriore incontro divulgativo al riguardo, con l’apporto del locale comune, erano infatti presenti il sindaco Massimiliano Quadrini, l’avv. Lucio Marziale, assessore al bilancio ed il comandante della stazione cc di Isola, oltre ad una folta fetta della cittadinanza.

Le raccomandazioni dei carabinieri

Molteplici gli argomenti trattati durante l’incontro, protrattosi per oltre un’ora; sono stati rinnovati gli accorgimenti e le cautele da adottare in caso di telefonate o visite a casa da parte di sconosciuti, rinnovando l’invito a non consentirgli mai l’accesso in casa, allertando altresì le forze dell’ordine, tramite il 112, ovvero chiamando un parente, un amico o un vicino.

Gli approcci dei truffatori

Sono state illustrate le modalità di approccio dei truffatori, soggetti di rara intelligenza ed assoluta mancanza di scrupoli, spesso dai modi estremamente gentili, atti a carpire la buonafede degli anziani. Si è esortato ad evitare di detenere in casa ingenti somme di denaro, consiglio purtroppo non sempre accettato da nonni ed genitori avanti con gli anni, come rappresentato dal direttore di un ufficio postale presente all’incontro e che ha voluto dare il proprio contributo, invitando a non ritirare l’intera pensione all’inizio del mese, col rischio di essere derubati lungo la strada o nell’abitazione.

Occhio alle truffe sentimentali

È stato ribadito che nessuna Amministrazione statale, né ente benefico e/o onlus si reca a domicilio per richiedere somme di denaro, esortando a denunciare simili condotte. Infine si è toccato l’argomento delle cosiddette truffe “sentimentali”: la vittima viene “agganciata” online, si ottiene la sua fiducia, per poi rappresentargli un falso stato di indigenza, con lo scopo di farsi “prestare” del denaro per curare un parente o pagare dei debiti. Al termine dell’incontro, numerose le domande da parte del pubblico su consigli ed accorgimenti. Ad oguno dei presenti è stata offerta una brochure, realizzata dal comando provinciale carabinieri di Frosinone, contenente tutte le indicazioni da adottare.

I prossimi appuntamenti

Gli incontri proseguiranno nei prossimi giorni. Dopo l'appuntamento di giovedì 13 febbraio a Monte S.Giovanni Campano si replicherà il 18 febbraio ad Arpino, il 25 febbraio a Casalvieri ed a seguire presso gli altri comuni/centri anziani/parrocchie che ne hanno fatto richiesta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiuggi, polemica social per la battuta infelice di Max Tortora ai “Soliti Ignoti”

  • Coronavirus, le prime ordinanze dei Sindaci ciociari: quarantena per chi arriva dal Nord

  • Cassino sotto choc, muore dopo un grave malore il professor Raffaele Di Mambro

  • Cassinate, muore a quarant'anni mentre guarda la tv

  • Comandante della Polizia Locale muore durante la sfilata dei carri del carnevale

  • Coronavirus a Colleferro, una giornata di allarmismi ingiustificati. Ecco cosa è successo

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento