MSG Campano, "Non andare a dormire senza mangiare" nonno Liberato raccoglie cibo per chi ha bisogno

Una cesta alimentata dalla generosità del signor Liberato, della sua famiglia e dei monticiani. Pasta, biscotti ed altro messi a disposizione di chi sta affrontando un momento di difficoltà

“Se non hai un lavoro e non ricevi aiuto da nessuno e hai finito la scorta di cibo, per favore non andare a dormire senza mangiare. Scrivimi in privato senza vergognarti che poco o tanto che io possa avere a casa mia o in qualsiasi altro modo rientri nelle mie possibilità ho piacere di condividere con te”. Da qualche giorno questo messaggio di solidarietà sta inondando le bacheche di Facebook; parole con le quali si mette a disposizione il proprio aiuto per chi a causa dell’emergenza Coronavirus si trova ad affrontare una situazione economica ancora più difficile.

Da qui è nata l'idea del signor Liberato Chiugi, 80enne di Colli, frazione del comune di Monte San Giovanni Campano, che supportato dalla sua famiglia ha messo su un ‘alimentari’ della solidarietà pensando che per molti sarebbe stato difficile rispondere a quel messaggio sui social, ma più semplice prendere un pacco di pasta, di biscotti o altro direttamente da una cesta. E quella cesta il signor Liberato l'ha posizionata proprio davanti al cancello di casa trasformando un'inizitiva di solidarietà 'virtuale' in una più... reale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non andare a dormire senza mangiare” si legge a grandi lettere sul cartello assieme all’immancabile motto #andràtuttobene, il tutto per raccogliere cibo e metterlo a disposizione di chiunque ne avesse bisogno. I primi prodotti ad essere inseriti all'interno del contenitore sono stati quelli che il signor Liberato aveva in casa, ma nel giro di poco anche altri monticiani, venuti a conoscenza dell'iniziativa hanno contribuito alimentando 'il carrello della spesa' con la propria generosità e altri hanno contattato la famiglia per rendersi disponibili a dorare ciò che occorre. Il desiderio è quello che l’iniziativa possa essere replicata in altri comuni e città aiutando quante più persone possibili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore fatale lungo la strada per Montecassino, muore Enio Spirito

  • Ceccano, è Marcello Pisa il morto trovato nel carrello. Nuovi dettagli raccapriccianti

  • Pontecorvo, muore giovane finanziere, comunità sotto choc

  • Ceccano, Marcello Pisa morto non lontano dal carrello in cui è stato trovato

  • Scandalo alla Croce Rossa, il presidente denuncia ammanchi per 300 mila euro

  • Amazon a Colleferro, al via la selezione per i magazzinieri. Ecco come fare per candidarsi

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento