Piedimonte, l'Ares vince il ricorso al Tar. Per i giudici di Latina non sono state commesse violazioni

L'azienda, specializzata nella gestione di rifiuti organici, nel corso degli anni aveva dovuto bloccare l'attività a causa di una serie di ricorsi presentati dal Comune e dal Consorzio Industriale del Lazio Meridionale

Ares Ambiente, azienda specializzata nella gestione di rifiuti organici, ha vinto il ricorso al Tar. I giudici della sezione di Latina, dopo approfondito esame e due istruttorie, sono giunti alla conclusione della assoluta correttezza e rispetto delle regole dei procedimenti di valutazione di impatto ambientale (VIA) e di autorizzazione integrata ambientale (AIA) in capo ai quali la Regione Lazio ha consentito la costruzione e gestione di un impianto di ammendanti in località Ruscito del Comune di Piedimonte San Germano. 

Le sentenze

In particolare, le quattro sentenze che hanno deciso i ricorsi proposti dal Comune di Piedimonte San Germano, dal Cosilam e da Consorzi e cittadini, hanno posto in evidenza come tutte le indagini d carattere ambientale abbiano escluso qualsiasi possibilità di pregiudizio della salubrità dei luoghi e della salute. 
Anche la questione della conformità urbanistica è stata ritenuta irrilevante: il TAR ha dichiarato illegittima la variante con cui, nel corso del procedimento, Cosilam aveva degradato ad artigianali le aree che il PRG considera industriali. 
Il TAR ha precisato che si tratta di aree al di fuori del perimetro Cosilam, per cui rimane integra la destinazione industriale stabilita dal piano regolatore e che non è necessaria alcuna variante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nuove assunzioni

La scrupolosa analisi operata dal Giudice amministrativo in esito ad un processo che si è prolungato per circa due anni e che ha visto acquisire ben due verificazioni per l'accertamento dei fatti dovrebbe essere fonte di rassicurazione per i cittadini e le Istituzioni e consentire finalmente alla impresa di proseguire nell'attuazione del programma industriale che porterà a creare lavoro diretto oltre che lavoro indotto e che contribuirà alla gestione dei rifiuti organici ed alla produzione di ammendante compostato misto di qualità. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore fatale lungo la strada per Montecassino, muore Enio Spirito

  • Pontecorvo, muore giovane finanziere, comunità sotto choc

  • Ceccano, Marcello Pisa morto non lontano dal carrello in cui è stato trovato

  • Cassinate, terribile schianto nella notte: grave coppia di fidanzati

  • Cassino, coltello in pugno crea il panico all'ufficio postale (video)

  • Coronavirus, bollettino 27 maggio: risultato positivo un medico della provincia di Frosinone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento