Indice della salute, la Ciociara in coda nella classifica nazionale

I dati pubblicati da Il Sole 24 Ore parlano chiaro: Frosinone 102esima su 107 per tasso di mortalità. Meglio i numeri su decessi per tumori ed infarti. Bolzano la provincia più "sana"

Qual è lo stato di salute delle province italiane ed in particolar modo di Frosinone? Le risposte arrivano dalla classifica pubblicata oggi dal Sole 24 Ore. Il noto quotidiano economico-finanziario ha stilato una graduatoria denominata "Indice della Salute", frutto di un'elaborazione su dati Iqvia, ministero della Salute e Istat, attraverso la quale sono state elencate quelle che potrebbero essere definite le città più “sane”. Gli indicatori utilizzati per stilare la classifica spaziano tra la mortalità, l'incidenza delle malattie, la speranza di vita, la diffusione di farmaci per malattie croniche e l’accesso ai servizi sanitari sul territorio. La classifica finale è il risultato della media dei punteggi ottenuti dai diversi territori nei singoli indicatori. Che, a loro volta, incarnano tre aspetti fondamentali della salute: performance demografiche registrate negli ultimi anni (ad esempio, l’incremento della speranza di vita alla nascita); fenomeni socio-sanitari (come la mortalità annua per tumore e per infarto e il consumo di farmaci); livelli di accesso ai servizi sanitari (dall'emigrazione ospedaliera alla disponibilità di posti letto e di medici). In vetta troviamo Bolzano seguita da Pescara, Nuoro e Sassari, dobbiamo scorrere di molto per trovare la provincia ciociara.

Fanalino di coda

"Dall’incrocio di tutti questi dati, - commenta il consigliere comunale Danilo Magliocchetti - la provincia di Frosinone ne esce veramente male, con le ossa rotte, verrebbe da dire, per rimanere in tema sanitario. Infatti,  la Ciociaria si pone al 98° posto su 107 province, nella classifica generale. Addirittura al 102°, sempre su 107,  per tasso di mortalità, risultando tra le 10 peggiori province italiane. Ed ancora, all’85° posto per l’aumento della speranza di vita. All’81° posto per ricettività ospedaliera e al 76° per emigrazione ospedaliera, in pratica le dimissioni di residenti avvenute fuori regione.

Un po' meglio

Va leggermente meglio, nella classifica nella mortalità per tumore, laddove la provincia di Frosinone si colloca al 52 posto, con un valore di  14.7055 per morti ogni 1000 abitanti nel periodo 2012-2016. Ed ancora l’89° posto per consumo di farmaci per diabete. Di positivo si registra, e meno male, il buon 34 posto nelle mortalità per infarto miocardico acuto, risultando  la migliore performance in assoluto del territorio per tutti gli indicatori. Sintomatico che, specialmente presso l’ospedale del capoluogo, esiste una equipe di cardiologia competente e che funziona.  Orbene, senza voler attribuire a questa classifica certificazione di verità assoluta, anche se elaborata su dati statistici e da un organo importante ed autorevole come il Sole 24 ore, peraltro su dati forniti da Istat e Ministero della salute, è altrettanto vero però che questi dati devono far riflettere parecchio sulle politiche per la salute, adottate in questi anni in provincia di Frosinone".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, bus tampona compattatore dei rifiuti, grave l'autista (foto)

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Piglio-Anagni, rifiuti e mazzette. Gare vinte grazie a soldi ed auto a noleggio al tecnico comunale

  • San Vittore, terribile schianto in A1: giovane autista perde una gamba

  • Colleferro, commozione e lacrime al funerale di Giuseppe Sinibaldi (foto)

  • Cassino, autista ferito e trasferito dopo ore: esposto dei familiari contro il pronto soccorso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento