Torrice, la città invasa dai rifiuti dei comuni limitrofi

Per debellare questo fenomeno, in attesa che si risolva la vicenda dei ricorsi per aggiudicare la gestione del porta a porta, l’amministrazione installerà delle telecamere e sono previste multe fino a 600 euro

Da anni Torrice ha adottato il sistema della raccolta differenziata attraverso i cassonetti in strada. A febbraio, il Comune ha sviluppato un nuovo progetto e la Centrale unica di committenza della Provincia di Frosinone ha esperito una gara d’appalto per il servizio della raccolta porta a porta. La quarta ditta classificata in gara ha presentato ricorso al Tar del Lazio, ed essendo stata accolta la richiesta della società, la ditta risultata vincitrice dell’appalto ha presentato ricorso al Consiglio di Stato. Questo ha prodotto uno stallo: fino a che non troverà compimento il procedimento giudiziario, il Comune dovrà mantenere il sistema corrente, vale a dire la raccolta nei secchioni comuni in strada. Tale situazione, però, sta facendo proliferare un fenomeno deleterio: i residenti dei comuni limitrofi dove è in corso la raccolta porta a porta stanno portando i propri rifiuti a Torrice.

L'arrivo delle telecamere

Per scoraggiare questi comportamenti, il Comune ha deciso di lanciare una campagna che prevedrà l’installazione di videocamere di sorveglianza, al fine di individuare i responsabili. Per chi metterà in atto atteggiamenti scorretti sono previste multe che vanno da 50 a 600 euro. In particolare, chi disperderà i contenuti dei sacchi commetterà anche un reato ambientale, quindi subirà le conseguenze più pesanti previste. A spiegare i dettagli dell’iniziativa, il consigliere comunale delegato alla comunicazione Augusto Ianni, che sottolinea l’importanza della funzione deterrente che svolgeranno le videocamere.

L'appello ai residenti

A causa della burocrazia i cittadini stanno pagando per un disservizio per cui il Comune non può fare nulla. Il sindaco e l’intera amministrazione, quindi, rivolgono un appello ai residenti, sollecitando a vigilare e a segnalare i trasgressori agli uffici comunali. «Non saranno più ammesse trasgressioni – commenta il sindaco Mauro Assalti – Invito i miei concittadini a contribuire entro le loro possibilità nel combattere questo fenomeno. Già i torriciani pagano lo scotto di non poter usufruire di un servizio, quale quello della raccolta porta a porta, a causa delle tempistiche della burocrazia. Come amministrazione non possiamo permettere che anche l’ambiente venga deturpato».

Potrebbe interessarti

  • Tecnici Acea tentano di entrare in una stradina privata, si mette di traverso con l’auto e li blocca

  • Cassino, 700 persone usano l’acqua pubblica ma non la pagano

  • Pronto soccorso dello Spaziani: "un vero e proprio inferno". Aumentano disagi e polemiche

  • Città in lutto per la morte dell'ex vice comandante dei vigili urbani Vincenzo Belfiore

I più letti della settimana

  • Precipita dal sesto piano dell'ospedale di Frosinone e muore

  • Muore dopo un volo di oltre 15 metri all'ospedale. Identificato l'uomo

  • Si ribaltano con l'auto mentre vanno al mare. Due ragazzi di Paliano in gravi condizioni

  • Bimbo di tre anni azzannato alla testa da un cane maremmano

  • Cassino-Pontercorvo, incidente in A1. Grosso tir va a sbattere sul guardrail e perde il carico (foto)

  • Ceprano, lei si rifiuta di avere rapporti sessuali e lui tenta di strangolarla

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento