Valmontone, muore il marito e la moglie è costretta a pagare i suoi debiti

Con l’associazione AECI Roma Sud vediamo che succede in caso di decesso dell’intestatario?

Muore il marito ed una povera signora di Valmontone è costretta a pagare i finanziamenti accesi in vita dal suo uomo ed inoltre anche le assicurazioni stipulate per il “caso morte” non coprono i debiti. Di solito, infatti, l’accensione di un finanziamento è collegata alla stipula di una assicurazione che, copre il debito nel caso di decesso dell’intestatario. La polizza è “facoltativa” ma, nella pratica è quasi sempre collegata al finanziamento all’atto della sottoscrizione. Quando si decide di chiedere un finanziamento, infatti, bisogna considerare numerosi aspetti, tra questi anche chiedersi cosa succede in caso di morte.

La polizza assicurativa

Generalmente, la polizza assicurativa a copertura del credito è detta Cpi  (Credit Protection Insurance). In presenza di questa polizza, in caso di decesso, l’assicurazione provvede a rimborsare la banca/finanziaria. Nel momento in cui si verifica questa situazione, l’assicurazione Cpi provvederebbe all’estinzione completa e anticipata del prestito. Usiamo il condizionale perché le assicurazioni “assicurano bene” i propri interessi. All’atto della stipula del contratto, infatti, l’assicurato sottoscrive una autocertificazione sul proprio stato di salute. Questo perchè l’assicurazione non copre il rischio morte quando risultano importanti elementi di rischio clinico (ad esempio malattie gravi, tumori ecc.) sottaciuti nell’autocertificazione al momento della stipula.

E cosa accade quando si cerca di attivare la polizza conseguentemente al decesso? Le finanziarie richiedono un Questionario che dovrà essere compilato dal medico curante. Questa una delle risposte pervenute “l’analisi della documentazione medica pervenuta ha evidenziato che l’Assicurato fosse affetto da diversi anni da Cardiopatia…..quindi la richiesta non può trovare accoglimento”.

Ora, volendo esaminare approfonditamente la questione, sorge spontanea una domanda: perché tale questionario medico non lo si fa compilare prima dal medico curante, all’atto dell’accensione del prestito? In maniera tale che, se vi sono gravi patologie, la polizza non verrà sottoscritta ed alcun importo sarà versato a copertura.

Vi invitiamo a prestare particolare attenzione nella fase di apertura di un finanziamento per avere chiare le conseguenze.

HAI BISOGNO DI AIUTO??

Per informazioni ed assistenza di seguito i nostri recapiti

A.E.C.I. ROMA SUD

VIA CASILINA 185 – VALMONTONE (RM)

VIA DEI MERLI 2/4 – 00044 FRASCATI (RM)

Tel. 3481788786 -3249959867 - romasud@euroconsumatori.eu

AECI ROMA SUD non riceve alcun finanziamento da partiti e/o sindacati e si autofinanzia tramite le vostre tessere e contributi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ceprano, punta un coltello alla gola della compagna in un ristorante

  • Cronaca

    Fontana Liri, presa con oltre 2 chili di droga in auto. Viaggiava con il figlio di 7 anni

  • Meteo

    Maltempo, dopo la neve ecco il vento forte e la pioggia anche in Ciociaria

  • Cronaca

    Esperia, uccise il padre a coltellate: la Procura chiede il Giudizio immediato

I più letti della settimana

  • Cade nel vuoto da oltre 30 metri di altezza. Muore un operaio di Roccasecca

  • Cassino, bimbo di 2 anni rischia il soffocamento, salvato da un carabiniere fuori servizio

  • Muore cadendo nel vuoto, è Manuel Cipollaro la vittima dell’incidente sul lavoro

  • Maltempo, temperature in calo e nelle prossime ore occhio alle nevicate

  • Cassino, impiegato comunale stroncato da un malore

  • Anziani presi a martellate, Alberto Di Cicco racconta la sua verità: "Ho prestato 4000 euro al figlio"

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento