La Securpol non effettua la vigilanza ma chiede il pagamento delle fatture

Si sono rivolti alla nostra Associazione dei consumatori diversi cittadini del territorio di Roma Sud che hanno affidato alla Securpol il servizio di Vigilanza presso la propria abitazione. Un modo per poter stare più tranquilli da eventuali furti, con un servizio di vigilanza notturna.

Ebbene…della vigilanza nessuna traccia…tracciabili solo le fatture! Fatture emesse regolarmente pur in assenza del controllo e che partono da un minimo di 20,00 circa, a cadenza mensile.

Ebbene, a tal proposito, l’AGCM, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con provvedimento n. 24958/ 2014, ha deliberato la vessatorietà, ai sensi e per gli effetti dell’art. 33, commi 1 e 2, lettera t), del Codice del Consumo, della clausola di cui al punto 10 del contratto, per il servizio di vigilanza adottato da Securpol Group s.r.l. relativa alla presentazione dei reclami.
Nella specie, la clausola citata, negherebbe qualsiasi valore probatorio circa il corretto adempimento del servizio e priverebbe il cliente/consumatore di qualsiasi possibile mezzo di riscontro circa il corretto adempimento della prestazione contrattuale di Securpol.
Poichè, dunque per la sua formulazione, la clausola individua un’espressa ipotesi di preclusione di mezzi di prova che limita le possibilità del consumatore di dar prova dell’inadempimento del professionista, l’AGCM ha deliberato che la previsione in esame risulta vessatoria nella misura in cui prevede a carico del consumatore limitazioni della facoltà di opporre eccezioni e all’adduzione di prove, nonché inversioni o modificazioni dell’onere della prova nei confronti del professionista.
Se siete certi che l’Istituto di Vigilanza richiede i canoni mensili senza svolgere effettivamente il servizio pattuito allora i conti non tornano!!!Ebbene, a tal proposito, l’AGCM, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con provvedimento n. 24958/ 2014, ha deliberato la vessatorietà, ai sensi e per gli effetti dell’art. 33, commi 1 e 2, lettera t), del Codice del Consumo, della clausola di cui al punto 10 del contratto, per il servizio di vigilanza adottato da Securpol Group s.r.l. relativa alla presentazione dei reclami.
Nella specie, la clausola citata, negherebbe qualsiasi valore probatorio circa il corretto adempimento del servizio e priverebbe il cliente/consumatore di qualsiasi possibile mezzo di riscontro circa il corretto adempimento della prestazione contrattuale di Securpol.
Poichè, dunque per la sua formulazione, la clausola individua un’espressa ipotesi di preclusione di mezzi di prova che limita le possibilità del consumatore di dar prova dell’inadempimento del professionista, l’AGCM ha deliberato che la previsione in esame risulta vessatoria nella misura in cui prevede a carico del consumatore limitazioni della facoltà di opporre eccezioni e all’adduzione di prove, nonché inversioni o modificazioni dell’onere della prova nei confronti del professionista.
Se siete certi che l’Istituto di Vigilanza richiede i canoni mensili senza svolgere effettivamente il servizio pattuito allora i conti non tornano!!!Nonostante i diversi reclami dei consumatori, certi del mancato svolgimento del servizio per l’assenza del rilascio dei biglietti di controllo,  la Securpol ai solleciti rispondeva: “Il nostro Istituto di Vigilanza non è obbligato a rilasciare i biglietti di controllo per provare lo svolgimento del servizio”.

Tale risposta lascia tanti dubbi…quali prove avrebbe il consumatore per verificare il corretto operato dei vigilantes?? Ed infatti, a tal proposito,  l’AGCM, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con provvedimento n. 24958/ 2014, ha deliberato la vessatorietà, ai sensi e per gli effetti dell’art. 33, commi 1 e 2, lettera t), del Codice del Consumo, della clausola di cui al punto 10 del contratto, per il servizio di vigilanza adottato da Securpol Group s.r.l. relativa alla presentazione dei reclami.

Nella specie, la clausola citata, nega la possibilità al consumatore di avere prove sul corretto adempimento della attività da parte della Securpol.

Ed infatti, l’AGCM ha deliberato che la clausola è vessatoria. Il consumatore non avendo le prove, con i biglietti di controllo, dell’effettivo passaggio del personale addetto, non può opporre eccezioni e fare reclami: come fa ad essere certo che sono passati o meno? E…se la vigilanza è stata regolarmente effettuata?!

Se siete certi che l’Istituto di Vigilanza richiede i canoni mensili senza svolgere effettivamente il servizio pattuito allora i conti non tornano!!!

HAI BISOGNO DI AIUTO??

Per informazioni ed assistenza di seguito i nostri recapiti

A.E.C.I. ROMA SUD

VIA CASILINA 185 – VALMONTONE (RM)

VIA DEI MERLI 2/4 – 00044 FRASCATI (RM)

Tel. 3481788786 -3249959867 - romasud@euroconsumatori.eu

AECI ROMA SUD non riceve alcun finanziamento da partiti e/o sindacati e si autofinanzia tramite le vostre tessere e contributi.

Potrebbe interessarti

  • Minacce alla moglie, noto medico verolano sospeso dalla Asl di Frosinone

  • Il ricordo di Nadia Toffa: quella volta che parlò dei tumori della Valle del Sacco

  • Ferentino, gioca un euro al "Million Day" e si porta a casa un milione

  • Cassino, ecco le zone dove lunedì 19 e martedì 20 mancherà l'acqua

I più letti della settimana

  • Sora-Arpino, notte di sangue. Auto contro un muretto muore la giovane Stella Tatangelo (foto)

  • Sora, l'ultimo straziante saluto a Stella tra gli amici e le rose bianche (video)

  • Cassino-Formia, con l'auto sullo spartitraffico. Grave una ragazza di 24 anni

  • Trovato morto in un lago di sangue dall'anziana mamma

  • Sora sotto choc per la tragedia di Arpino. Lutto cittadino nel giorno dei funerali di Stella Tatangelo

  • Anagni-Colleferro, pullman a fuoco. Chiusa l'autostrada A1 in direzione Roma per oltre due ore

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento