Soci di una Bcc costretti a rivolgersi ad un’associazione di consumatori per riavere le loro quote ed uscire

Approfondiamo l’argomento della quota socio versata ad una Banca di Credito Cooperativo delle zone a Sud di Roma per aderire all’Istituto con n. 1 azione del capitale sociale.

I nostri associati, raccontano che, nel 2011, per usufruire di vantaggi e sconti sui costi del conto corrente, aderivano alla Banca di Credito Cooperativo dei Castelli Romani e del Tuscolo versando, come quota socio, la somma di 1000,00 euro ciascuno, rassicurati che, se avessero voluto recedere dalla qualità di socio, avrebbero potuto ottenere prontamente la restituzione della quota sociale versata…

Trascorrono ben cinque anni e, nel 2016, non avendo più interesse a proseguire il rapporto con la Banca, sia per questioni economiche che logistiche, tra cui la chiusura della loro attività, richiedevano, previa chiusura del rapporto di conto corrente e di ogni ulteriore posizione bancaria, la restituzione della quota sociale.

La Banca rigettava la richiesta assumendo che non ricorrevano le condizioni stabilite dallo Statuto per esercitare il diritto di recesso.

E quindi? Cosa significa?

Affrontiamo l’argomento per sottolineare prima di tutto che la normativa di riferimento è particolarmente complessa, e che le ipotesi maggiormente ricorrenti, che impedirebbero al socio di esercitare il diritto di recesso, si riferirebbero principalmente all’aver partecipato alle Assemblee ed alle deliberazioni riguardanti avvenimenti importanti afferenti la vita della cooperativa stessa, intervenendo attivamente quali “soci” alle attività della Banca. Ovviamente, nulla di tutto questo era mai avvenuto, pertanto gli stessi non riuscivano a capire perché mai non potessero riavere i soldi versati!!

I due si rivolgevano quindi ad AECI ROMA SUD, che sottoponeva il caso alla Banca d’Italia ed inoltrava numerose istanze alla Bcc Dei Castelli Romani e del Tuscolo la quale, dopo lo scambio di copiosa corrispondenza, accoglieva (trascorsi ormai circa 3 anni) la richiesta di restituzione della quota sociale versata dagli associati, deliberando l’esclusione degli stessi dalla compagine sociale e provvedendo in tal modo alla restituzione della quota sociale versata per un totale di € 2000,00.

A.E.C.I. ROMA SUD è sempre operativa a tutela dei diritti dei consumatori. Per informazioni ed assistenza di seguito i nostri recapiti

A.E.C.I. ROMA SUD

VIA PIZZUTI FIORAVANTE SNC – VALMONTONE (RM)

VIA DEI MERLI 2/4 – 00044 FRASCATI (RM)

Tel 3481788786 – 3249959867 - Fax 0699367488

romasud@euroconsumatori.eu

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassinate, esplode una bomba da guerra in un campo dove bruciavano sterpaglie

  • Coronavirus, infermiera positiva 'evade' dalla quarantena e torna al lavoro in ospedale

  • Coronavirus, trend dei contagi stabile in Ciociaria. Una 15enne trasferita da Frosinone al Bambino Gesù

  • Coronavirus, contagi raddoppiati in poche ore a Valmontone

  • Coronavirus, la storia di Pina, Vigile del Fuoco discontinuo che sta combattendo per la vita

  • Coronavirus, tre carabinieri positivi: uno ha febbre e tosse, due sono asintomatici

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento