Controlli sui contatori dell'acqua, le raccomandazioni di Acea Ato 5

Il gestore precisa: "l'apparecchio deve essere facilmente accessibile ed è vietato apporre lucchetti o catene"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FrosinoneToday

Acea Ato 5 informa che sono in corso attività di controllo sui misuratori idrici delle utenze gestite. Per questo motivo gli utenti sono invitati a garantire la regolare accessibilità ai contatori del personale autorizzato al controllo, nel rispetto del vigente Regolamento del Servizio Idrico Integrato.

L'apparecchio deve essere facilmente accessibile

Infatti, ai sensi dell’art. 11 del suddetto regolamento di utenza: ”Il contatore deve essere installato in modo che possa correttamente funzionare e possa essere facilmente accessibile per la lettura e la manutenzione” mentre all’art. 14 del medesimo regolamento viene specificato che “gli apparecchi (di misura) sono di proprietà del Gestore, gli utenti ne sono i consegnatari e sono pertanto responsabili di qualunque manomissione o danno ad essi arrecato”.

Vietato apporre lucchetti o catene

Acea Ato 5 ricorda, inoltre, che l’accesso al contatore è necessario per garantire la corretta gestione della fornitura idrica e che ciò vale nel reciproco interesse del gestore e dell’utente. Pertanto è espressamente vietato apporre lucchetti, catene o qualsivoglia impedimento volto a limitare o impedire l’accesso al manufatto di alloggio del contatore; infatti se l’apposizione di un lucchetto avviene per impedire ai tecnici della società di entrare in spazi ed aree a cui hanno diritto di accedere, in questo caso si configura la fattispecie di reato cui all’art. 610 c.p. “Violenza privata”, come affermato dalla Sezioni Penali della Corte di Cassazione. Il personale incaricato di Acea Ato 5 provvederà, in questi casi, a rimuovere gli impedimenti eventualmente rilevati e la Società si vedrà costretta a far valere le proprie ragioni dinanzi alle autorità competenti.

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento