Delitto Mollicone, chiuse le indagini. L'ex maresciallo, la moglie e il figlio accusati di omicidio

La Procura ha notificato ai cinque indagati l'avviso di conclusione. I due sottufficiali coinvolti invece dovranno rispondere di favoreggiamento e concorso morale nella morte della studentessa di Arce

Le indagini sulla morte di Serena Mollicone sono ufficialmente concluse. La Procura ha notificato ai cinque indagati l'avviso di conclusione. L'ex maresciallo Franco Mottola, comandante della caserma dei carabinieri di Arce nel 2001, la moglie, il figlio Marco e due sottufficiali dell'Arma all'epoca in servizio nella struttura militare, avranno ora venti giorni di tempo per poter presentare eventuali memorie difensive.

L'accusa 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'accusa per i tre componenti della famiglia Mottola è quella di omicidio volontario ed occultamento di cadavere. I due sottufficiali invece dovranno rispondere a vario titolo di favoreggiamento e concorso morale in omicidio. La parola passa ora al Giudice per Indagini Preliminari che dovrà vagliare attentamente ogni singola posizione e decidere se chiedere o meno per ogni indagato il processo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore fatale lungo la strada per Montecassino, muore Enio Spirito

  • Pontecorvo, muore giovane finanziere, comunità sotto choc

  • Ceccano, Marcello Pisa morto non lontano dal carrello in cui è stato trovato

  • Cassinate, terribile schianto nella notte: grave coppia di fidanzati

  • Cassino, coltello in pugno crea il panico all'ufficio postale (video)

  • Coronavirus in Ciociaria, bollettino 25 maggio: nessun contagio ma, dopo 8 giorni, un altro decesso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento