Un venerdì nero per il lavoro, in poche ore due infortuni in due cartiere nel sorano

Ieri mattina un operaio ha perso la mano rimasta incastrata in un macchinario, nel pomeriggio un giovane è stato investito da un muletto

Una giornata davvero drammatica quella di ieri per due operai nel sorano. Dopo l'incidente avvenuto nella mattinata in una cartiera di Isola del Liri che è costato la mano a C.V. un 54enne di Monte San Giovanni Campano, nel pomeriggio un altro episodio è accaduto a Broccostella, sempre all'interno di una cartiera. Ad avere la peggio questa volta è stato un operaio di Sora. Il ventenne sarebbe stato investito da un muletto in movimento. Fortunatamente il mezzo stava procedendo a velocità molto ridotta e ciò avrebbe impedito un epilogo assai più grave. Subito sul posto si sono portati i soccorsi del 118 che vista l'entità delle ferite hanno deciso per il traferimento in eliambulanza al Policlinico di Tor Vergata. Per il giovane si parla di un trauma al bacino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La guerra chiamata lavoro

"Giornata maledetta quella di venerdì 7 settembre per il mondo della carta in provincia di Frosinone. - così Andrea Gabriele segreterio SLC-CGIL FR/LT - In mattinata un operaio ha perso una mano alla Alcart di Isola del Liri, nel pomeriggio un giovane lavoratore, in forza alla Cartiera San Martino di Broccostella, è stato elitrasportato a Roma con una sospetta frattura al bacino. Sono solamente gli ultimi due feriti di quella guerra chiamata "lavoro" che ogni anno miete circa 1000 vittime. Non è più tollerabile il silenzio dinanzi a questa mattanza: è ora che Istituzioni, Parti datoriali e Parti sociali si muovano in maniera univoca per arginare questo fenomeno. Non è possibile che un paese che si definisce civile consideri certi numeri "la normalità". Non è possibile che ancora si parli di "tragiche fatalità". Non è normalità e non è fatalità : purtroppo dietro questi episodi si nasconde spesso il mancato rispetto delle norme ed il ricatto della precarietà viene usato per celare tali mancanze. Ricominciamo a parlare seriamente di sicurezza. Auguriamo ai due Lavoratori di riprendersi presto e al meglio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gratta un biglietto 'miliardario' e vince 500 mila euro

  • Tragico incidente nella notte, muore un 37 enne di Colleferro

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Dipendente comunale per dieci anni usufruisce della Legge 104 riservata agli invalidi ma era tutto falso

  • Coronavirus, chiusa un’azienda che lavora il ferro a Morolo

  • Cassino, a rischio chiusura reparti fondamentali dell’ospedale Santa Scolastica

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento