Cassino, lo scandalo dei rifiuti in Mulattiera arriva in Procura: dieci le persone denunciate

A presentare un esposto in Commissariato è stato Niki Dragonetti: nei mirino il sindaco, le cooperative che gestiscono gli immigrati e l'amministratore del condominio che li ospita

La situazione in via Lena Mulattieri

Tutti denunciati. La sconcertante vicenda dei rifiuti abbandonati in via Mulattiera Lena è arrivata in Procura. A presentare denuncia presso il commissariato di Polizia e presso il Servizio Igiene dell'Asl, è stato Niki Dragonetti. Nel mirino oltre che il sindaco Carlo Maria D'Alessandro, anche l'assessore all'Ambiente, Dana Tauwinkelova, l'amministratore del condominio privato che ospita i profughi e i responsabili delle cooperative che dovrebbero occuparsi della tutela e anche dell'educazione civica di queste persone, i proprietari degli appartamenti e gli stessi profughi.

Il servizio di Ghione e la mancata promessa

"Sono passati diversi mesi dal giorni in cuim, Jimmy Ghione di Striscia La Notizia, ha realizzato e mandato in onda il servizio riguardante la discarica a cielo aperto in via Mulattiera Lena lungo la strada per Caira e scaturita dall'inciviltà  dei rifugiati ospiti nella palazzina adibita a centro di accoglienza - spiega Dragonetti -. Mesi trascorsi con la speranza che la situazione prendesse una piega diversa. Invece nulla è cambiato anzi molto è peggiorato. La situazione igienico-sanitaria è sconvolgente: vermi ovunque, generi alimentari oramai in decomposizione, abiti e scarti di ogni tipo gettati alla rinfusa a due passi dal centro, nei pressi di una pista ciclabile e da un numeroso gruppo di case. Addirittura animali, come riferiscono i residenti, uccisi e buttati tra l'erba".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'omesso controllo delle Istituzioni

Ma qualcuno ha visto questo scempio? Ha compreso la gravità della situazione? I responsabili della cooperativa che si occupa dell'accoglienza di questi profughi avevano garantito ai microfoni dell'inviato del tg satirico che tutto sarebbe stato pulito in pochi giorni e che non sarebbe più accaduto. Questo puntualmente non si è verificato. Ma l'assessore all'Ambiente perchè non si occupa anche di questo scempio? Cassino non è solo aiuole e progetti ecologici. Cassino è una città e i residenti di via Caira  hanno il diritto di non ammalarsi e di vivere in condizioni igienico sanitarie accettabili. Il Sindaco intende intervenire oppure attende altro che accada? Proprio per tutelare i cittadini ho deciso di presentare denuncia nei confronti del proprietari della palazzina, dei residenti e degli occupanti, dell'amministratore di condominio, del sindaco, dell'assessore all'ambiente e dei responsabili o titolari delle cooperative di accoglienza".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Guglielmo Mollicone, il padre che non ha smesso mai di lottare per la verità

  • Scontro frontale tra due auto lungo la Cassino-Formia: muore l'89enne Silvana Pellecchia

  • Maxi blitz, ecco chi sono gli arrestati a capo della banda di spacciatori (foto)

  • Coronavirus, test sierologici. Ecco i 15 comuni della provincia di Frosinone scelti per l'indagine

  • Cassino, si barrica in un bar e ferisce al volto un carabiniere

  • Muore a 58 anni il carabiniere Vito Antonio De Vita. Lunedì i funerali

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento