Si perde tra le montagne. Salvo grazie al cellulare ed alle sirene delle forze dell’ordine

Una brutta disavventura resa ancora più difficile dalla nebbia e dall’oscurità. Poteva trasformarsi in una tragedia una semplice passeggiata per un 66 enne di Alatri

Non solo, come diceva la celebre pubblicità, una telefonata allunga la vita ma a volte te la salva anche. Proprio grazie ad un telefono portatile un uomo di 66 anni è riuscito a mettersi in salvo e si è evitato il peggio ed una camminata in montagna non si è trasformata in una tragedia.

Una camminata al sole e la perdita di orientamento

Nella giornata di domenica 12 gennaio un escursionista 66enne di Alatri, approfittando della bella giornata, aveva deciso di effettuare una passeggiata nei boschi del comune di Collepardo con l’intento di rincasare per orario di pranzo. L’uomo si era incamminato in sentieri già conosciuti ma la curiosità lo ha spinto ad andare oltre la boscaglia e, con il calare della luce visto il sopraggiungere della sera ha smarrito l’orientamento.

La provvidenziale telefonata ed i soccorsi

Fortunatamente l’uomo aveva con se il cellulare con il quale ha chiamato il 112 ed ha fornito ai Carabinieri delle indicazioni, alquanto approssimative sulla sua posizione, poiché non aveva punti di riferimento. Immediatamente si attivava la macchina dei soccorsi attraverso i militari della Stazione di Vico nel Lazio, i colleghi Carabinieri Forestali del Comando Provinciale di Frosinone nonché personale del Soccorso Alpino di Collepardo.

Una disavvenura simile avvenuta qualche giorno fa

L’individuazione del disperso

I Carabinieri dopo alcuni lunghissimi minuti sono riusciti, fortunatamente, ad intuire l’area in cui potesse trovarsi il disperso ed una volta individuata la sua autovettura, grazie anche all’ausilio delle sirene e dei lampeggianti delle vetture di servizio hanno dato un punto di riferimento al 66enne che riusciva a comunicare con il 112 ed indirizzare i militari, anche se con grandi difficoltà, alla sua localizzazione.

Il salvataggio

Fortunatamente dopo qualche ora di ricerca con la nebbia sempre più fitta e il sopraggiungere della notte, l’escursionista è stato recuperato, infreddolito e spaventato ma in buone condizioni di salute, nei pressi di un fontanile, a circa 1300 metri di altezza, in località Prataccia del comune di Collepardo. Il 66enne ha ringraziato vivamente gli uomini della Benemerita per il soccorso fornito. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colleferro, al via le assunzioni a Leroy Merlin. Ecco come fare a candidarsi

  • Cassino, 'piove' un chilo di droga dal controsoffitto del centro commerciale

  • Scopre il marito con l'amante e con l'auto sfonda parte di un'attività commerciale

  • Si innamora di una donna, lei lo incastra con delle foto intime e si fa dare quasi 20 mila euro

  • E' morto Tonino Cianfarani, l'assassino di Samanta Fava

  • Ceccano, proprietaria e dipendente di un noto centro medico ancora sotto il torchio dell’Arma

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento