Incontra in un parco la nuova compagna del marito, la picchia e le procura un aborto

La donna una impiegata di 30 anni di Frosinone l'aveva incontrata mentre era insieme all'ex coniuge. A causa delle lesioni la rivale in amore che si trovava al terzo mese di gravidanza era stata ricoverata in ospedale

Foto di archivio

Essere stata abbandonata dal marito una donna che aveva dieci anni più di lei era stato veramente un duro colpo da incassare.  Ma la donna, una impiegata di 30 anni residente nel capoluogo ciociaro e madre di due bambini ancora molto piccoli, sperava sempre che il marito sarebbe rinsavito e che sarebbe tornato a casa

La scoperta di un figlio in arrivo

Ma quando aveva scoperto che la rivale in amore aspettava un figlio dal coniuge e che si trovava già al terzo mese di gravidanza aveva sentito il sangue gelare nelle vene. Quel neonato in arrivo aveva fatto crollare all'improvviso tutte le speranze circa il ritorno a casa dell'uomo. Un figlio, aveva pensato, è qualcosa che cementifica l'amore e non lo divide. Come spesso accade in questi casi provava odio e rancore nei confronti di quella che aveva preso il suo posto. 

L'odio si trasforma in violenza

Ma quel livore si è trasformato in una violenza inaudita quando un giorno, mentre il marito si era recato nella sua abitazione per prendere i figlioletti e portarli al parco, lo aveva seguito e proprio in quel posto aveva trovato la nuova compagna che stava aspettando l'uomo con i suoi  bambini. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ricovero in ospedale a causa delle percosse

Era stato a quel punto che l'impiegata si è trasformata in una belva inferocita e, secondo quanto dichiarato dalla vittima nella denuncia, avrebbe cominciato a percuoterla fino a farla cadere a terra. A causa di quell’aggressione era dovuta ricorrere alle cure ospedaliere. Purtroppo, dopo qualche giorno aveva perso il bambino. Da qui la denuncia per il reato di lesioni personali gravi, minacce e stalking. La prima udienza è fissata per il prossimo marzo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gratta un biglietto 'miliardario' e vince 500 mila euro

  • Tragico incidente nella notte, muore un 37 enne di Colleferro

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Dipendente comunale per dieci anni usufruisce della Legge 104 riservata agli invalidi ma era tutto falso

  • Coronavirus, chiusa un’azienda che lavora il ferro a Morolo

  • Maxi operazione anticamorra, un arresto in provincia di Frosinone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento