Era stata accusata della morte della sua bimba di 5 anni, assolta dopo 8 anni

I fatti risalgono al settembre del 2011 quando la donna che si trovava in auto con la piccola si scontrò con una Matiz nei pressi del sottopassaggio ferroviario di Frosinone

Assolta dopo otto anni di calvario dall'accusa di aver cagionato la morte della sua bambina di soli cinque anni. Monia Ceccarelli, 38 anni residente a Colle San Paolo a Ceccano era finita sotto processo con l'accusa di omicidio colposo. La vicenda risale al 21 settembre del 2011 quando la  donna mentre si trovava in macchina con la sua piccola Sharon che era andata a riprendere all'asilo,  nei pressi del sottopassaggio della stazione ferroviaria di Frosinone, l'auto con a bordo le due donne si era scontrata con una Matiz .

L'incidente

A seguito di quell'Incidente la bambina era stata trasportata prima all'ospedale 'Spaziani' ma poi dato l'aggravarsi della situazione era stata successivamente trasferita presso il policlinico 'Gemelli'. Purtroppo la bimba morì sette giorni dopo per le gravi lesioni interne. La Procura aprì un'inchiesta e Monia Ceccarelli venne rinviata a giudicio per omicidio colposo in quanto, secondo gli elementi raccolti dai periti della procura, viaggiava ad una velocità superiore a quella consentita in  strada.

Il crollo delle accuse

Venerdì scorso in aula c'è stato il colpo di scena. L'avvocato dell'imputata, Francesco Galella ha portato in aula quattro testimoni i quali hanno riferito che la posizione della vettura al momento del sinistro si trovava molto più avanti rispetto a quanto verbalizzato dai vigili urbani intervenuti sul posto. A quel punto il castello accusatorio è crollato in quanto sarebbe stato smentito il calcolo della velocità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'assoluzione

Non appena il giudice ha pronunciato la sentenza di assoluzione la donna si è lasciata andate ad un pianto liberatorio. Per anni aveva dovuto vivere con quel macigno sul cuore: l'accusa  di aver  provocato il decesso del suo piccolo angelo. All'epoca dei fatti i genitori diedero il loro assenso per donare gli organi della bambina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gratta un biglietto 'miliardario' e vince 500 mila euro

  • Tragico incidente nella notte, muore un 37 enne di Colleferro

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Dipendente comunale per dieci anni usufruisce della Legge 104 riservata agli invalidi ma era tutto falso

  • Coronavirus, chiusa un’azienda che lavora il ferro a Morolo

  • Cassino, a rischio chiusura reparti fondamentali dell’ospedale Santa Scolastica

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento