Sergente morto dopo il volo nel vuoto in ospedale, troppe le cose che non tornano

La ex compagna di Marco De Santis che domenica scorsa è precipitato dall'ultimo piano del nosocomio si è rivolta a due avvocati che rappresenteranno la bambina di 5 anni rimasta orfana di padre

Suicidio in ospedale, al via le indagini. La procura di Frosinone nella persona della dottoressa Barbara Trotta ha incaricato il medico legale Vincenzo Caruso di Formia di effettuare l'esame autoptico sulla salma di Marco De Santis il sergente dell'esercito di 42 anni che domenica scorso in un momento di grande disperazione si sarebbe lanciato dall'ultimo piano dell'ospedale Spaziani. L'esame è stato effettuato nella giornata di ieri

Due avvocati rappresenteranno la  figlioletta

Intanto, la ex convivente si è rivolta agli avvocati Carlo Coratti e Monica Pelosi per rappresentare la figlioletta di cinque anni  rimasta organa di padre. I legali che daranno l'incarico a dei consulenti di parte, dovranno accertare se questa tragedia poteva essere evitata.Tante le domande che al momento necessitano di risposte. A cominciare dal fatto che il 42enne di Torrice visibilmente debilitato (era arrivato a pesare 50 chili) è salito industurbato all'ultimo piano della struttura senza essere notato da alcuno. L'uomo si trovava ricoverato da due giorni presso il pronto soccorso del nosocomio frusinate a causa di gravi motivi di salute. Poco prima di mettere in atto l'insano gesto aveva avuto la visita della ex compagna con il quale era rimasto in buoni rapporti e della sua bambina.

La depressione dopo le sue missioni di guerra

Da alcune indiscrezioni trapelate sembra che il carattere dell'uomo fosse cambiato subito dopo aver partecipato ad alcune missioni di guerra in Afganistan. Il sergente aveva cominciato a soffrire di crisi depressive. A questo da aggiungere una grave patologia che lo aveva colpito e che gli aveva lasciato un segno indelebile non soltanto nel fisico ma anche nella mente. Adesso spetterà ai legali i Coratti e Peloso accertare se questa morte poteva essere evitata e soprattutto se all’interno del nosocomio siano state messe in atto tutte quelle misure di sicurezza atte ad evitare tragedie simili. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Guglielmo Mollicone, il padre che non ha smesso mai di lottare per la verità

  • Ceccano, arrestati ‘Sandokan’ e due familiari. Hanno aggredito Morello, troupe di ‘Striscia la notizia’ e Carabinieri

  • Cassinate, terribile schianto nella notte: grave coppia di fidanzati

  • Coronavirus, test sierologici. Ecco i 15 comuni della provincia di Frosinone scelti per l'indagine

  • Cassino, coltello in pugno crea il panico all'ufficio postale (video)

  • Coronavirus, bollettino 27 maggio: risultato positivo un medico della provincia di Frosinone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento