Alatri, schiamazzi notturni: commerciante cerca di impedire i controlli a suon di pugni

Resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento, questi i reati che hanno portato all'arresto di un 42enne che voleva impedire ai carabinieri di entrare nel locale della moglie

E' stato arrestato per “resistenza a Pubblico Ufficiale” e “danneggiamento” un noto commerciante di Alatri che, l'altra notte, ha provato ad impedire ai carabinieri di controllare il locale intestato alla moglie. Il 42enne, già noto per reati contro la persona ed in materia di stupefacenti, si è reso protagonista di un vero e proprio show farcito di insulti ed atti di violenza contro i militari che erano impegnati in un servizio di prevenzione contro gli schiamazzi notturni. I controlli sono arrivati dopo che gli abitanti della zona, che più volte avevano lamentato un eccesso rumore da parte della clientela dell’esercizio commerciale de quo. A seguito degli esposti è scaturita un'ordinanza del Sindaco che ha stabilito il limite dell'una della notte per l’emissione di musica nel locale. I controlli continui hanno però infastidito l'uomo che ha cercato di impedire ai militari di fare ingresso nell’attività. Si è quindi posizionato dinanzi all’ingresso gridando parolacce e sferrando nel contempo dei pugni sulla vetrata del negozio, ferendosi ad una mano. Trasportato dal personale dell'Ares 118, allertato dagli stessi carabinieri, presso il Pronto Soccorso del 'San Benedetto', è stato giudicato guaribile in 25 giorni per una lesione alla mano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Cassino, è Guido Luciano il giovane trovato morto in un appartamento di via Garigliano

  • Bomba d’acqua nel nord della Ciociaria e tra Colleferro e Valmontone (video)

  • Mercoledì i funerali del camionista Francesco Spaziani, morto mentre si trovava in Francia

  • Mette due camionisti in cassa integrazione per assumerne altri in nero, imprenditore ciociaro sotto processo

  • Finti posti di lavoro per truffare lo Stato, nuovamente arrestati Marco e Marcello Perfili

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento