Anagni, calci e pugni ai carabinieri. Arrestato un 40enne di Gorga

L'uomo per non essere controllato dagli uomini delle forze dell'ordine ha iniziato a dimenarsi mentre si trovava in un bar

Proseguono senza sosta i servizi dei carabinieri per arginare il fenomeno dello spaccio di droga e proprio nel corso di questi controlli. Un quarantenne di Gorga in provincia di Roma è stato arrestato nella giornata di ieri dai carabinieri della compagnia di Anagni con l'accusa di “violenza, resistenza e lesioni aggravate a Pubblico Ufficiale” e denunciato.

Calci e pugni ai carabinieri 

L'uomo, già conosciuto alle forze dell'ordine, per evitare di essere sottoposto a dei controlli da parte dei militari,  mentre si trovava in un bar ha cominciato a prenderli a calci pugni e spintoni, rivolgendo loro frasi oltraggiose. Dopo essersi dato alla fuga, il 40enne è stato rintracciato poco dopo. Nel corso della perquisizione personale sono stati trovati 0,5 grammi di cocaina. Per tale motivo è stato denunciato in Prefettura in qualità di assuntore. Il  40enne è stato sottoposto al regime dei domiciliari. Sequestrato il quantitativo dello stupefacente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Colto sul fatto

La scorsa notte, invece ad Anagni, i militari del Nucleo Operativo della locale Compagnia, nel corso di uno specifico servizio teso ad arginare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti un 34enne albanese incensurato, residente nella città dei Papi. I militari lo hanno sorpreso mentre cedeva, dietro il compenso di 100 euro, 1,7  grammi di sostanza stupefacente tipo cocaina ad un cliente del posto. La successiva perquisizione eseguita presso una cantina di proprietà dell'albanese, ha consentito di rinvenire ulteriori 9 grammi della stessa sostanza già suddivisa in dosi ed attrezzatura per il taglio ed il confezionamento della droga. Per lo stranaiero incensurato si sono spalancate le porte del carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la nuova mappa del contagio ridisegnata dalla Prefettura di Frosinone

  • Coronavirus, le mappe del contagio: positivi e deceduti dei Comuni in provincia di Frosinone

  • Coronavirus, test rapidi per tutti: la Regione Lazio invoca un'unica strategia nazionale

  • Coronavirus, infermiera positiva 'evade' dalla quarantena e torna al lavoro in ospedale

  • Coronavirus, trend dei contagi stabile in Ciociaria. Una 15enne trasferita da Frosinone al Bambino Gesù

  • Coronavirus, contagi raddoppiati in poche ore a Valmontone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento