Il 2 giugno i funerali di Guglielmo Mollicone. Oggi l'anniversario della morte di Serena

L'addio al padre-coraggio, morto domenica pomeriggio, si terranno alle ore 11 nella chiesa dedicata ai Santissimi Apostoli Pietro e Paolo in piazza Umberto I ad Arce (Frosinone). Proclamato il lutto cittadino

L'addio di Arce a Guglielmo Mollicone ci sarà martedì, 2 giugno alle ore 11 nella chiesa dedicata ai Santissimi Apostoli Pietro e Paolo, in piazza Umberto I. Nella stessa chiesa dove, diciannove anni fa, il nove giugno del 2001, vennero celebrate le esequie di Serena Mollicone.

L'assurdo destino

Il suo cuore ha ceduto un giorno prima dell'anniversario 'maledetto'. Guglielmo Mollicone, padre di Serena è morto ventiquattro ore prima del giorno in cui la ragazza, appena diciottenne, venne uccisa. Era il 1 giugno del 2001, diciannove anni fa. Per tutto questo lunghissimo lasso di tempo, Guglielmo, padre coraggio, disperato e distrutto, ha lottato per la verità. Il suo cuore, fortemente provato da una lunga e tribolante attesa di Giustizia, ha smesso di battere nel pomeriggio di ieri, 31 maggio. 

L'amore eterno

Come se questa volta, il maestro di settantadue anni, non avesse avuto la forza di sopportare il peso di una giornata tanto dolorosa e triste. Si è arreso prima ed ha voluto tornare tra le braccia dell'adorata figliola. "L'amore è eterno e ti da la forza di andare avanti quando resti in vita e chi ama va invece via - ripeteva sempre -. La mia forza e il mio amore serviranno a far luce sulla morte di Serena".

video-ricordo

La gogna e la forza

E di forza e di coraggio, il maestro Guglielmo, ne aveva da vendere. Nonostante la vita lo avesse costretto a patire più del dovuto: prima la morte dell'amatissima moglie, poi la fine terribile dell'adorata figlia e poi ancora l'onta della vergogna e del sospetto che, seppur per un brevissimo lasso di tempo, hanno offuscato i suoi grandi e vivi occhi azzurri. Perché qualcuno, nelle ore successive al ritrovamento del cadavere, ha provato ad incastrarlo, a far ricadere su di lui la colpa di un omicidio efferato.

Il 1 giugno 2001

La morte di Serena Mollicone, come accertato dalle indagini, dalle perizie e dal racconto del brigadiere Santino Tuzi, morto suicida nel 2008, è avvenuta il primo giugno del 2001. Una lenta agonia quella patita dalla bella ragazza, appena diciottenne e piena di vita che, dopo essere stata tramortita alla testa, con un colpo violento, viene lasciata morire soffocata. L'assassino o gli assassini, credendola morta, le ha infilato un sacchetto di plastica in testa. Se avessero chiamato i soccorsi, se l'avessero portata in ospedale, tutto avrebbe avuto un percorso diverso.

Tante vittime innocenti

Un padre non sarebbe morto di crepacuore in attesa di una Giustizia lentissima e tante altre vite non sarebbero state distrutte: quella di Santino Tuzi e quella di Carmine Belli, arrestato ingiustamente perché ritenuto colpevole della morte di Serena e poi assolto in tutti e tre i gradi di giudizio. Belli, come Tuzi, è stato la pedina di un macabro puzzle dai contorni non ancora ben definiti ma che la Procura ed i Carabinieri sono riusciti a ricomporre. Nonostante i depistaggi, nonostante le bugie, le prove sparite e e la tanta omertà che per anni ha avvolto l'intera comunità di Arce.

Il 2 giugno sarà lutto cittadino

Il Sindaco e l'Amministrazione Comunale di Arce esprimono il proprio cordoglio per la prematura scomparsa di Guglielmo Mollicone, papà della cara Serena. "Interpretando i sentimenti di dolore e commozione dell’intera comunità arcese - ha detto il Sindaco Germani - unitamente a tutta l'Amministrazione comunale, ho deciso di proclamare per domani 2 giugno 2020, alle ore 11 e per tutta la durata della cerimonia funebre del maestro Guglielmo Mollicone, il lutto cittadino".

Ulteriori disposizioni sul provvedimento del primo cittadino e sulle norme di sicurezza da rispettare per la partecipazione alle esequie verranno rese note nelle prossime ore.

Manifesto funebre Guglielmo Mollicone-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le tolgono i figli, va in Comune e tenta di strangolare l'assistente sociale

  • Gratta un biglietto 'miliardario' e vince 500 mila euro

  • Tragico incidente nella notte, muore un 37 enne di Colleferro

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Dipendente comunale per dieci anni usufruisce della Legge 104 riservata agli invalidi ma era tutto falso

  • Coronavirus in Ciociaria, bollettino 29 giugno: altro caso positivo da accesso al pronto soccorso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento