Arce, giro di vite dei carabinieri. Due denunce e due sequestri

Un polacco di trentasei anni guidava ubriaco lungo la Casilina. Gli è stata ritirata la patente. A Pico un pensionato ottantenne ha realizzato un manufatto abusivo in area protetta

Fermato mentre era alla guida di un furgone completamente ubriaco. I carabinieri della stazione di Arce hanno denunciato  un 36enne cittadino polacco per guida in stato di ebbrezza.

L’uomo, fermato e controllato mentre percorreva la regionale Casilina alla guida del mezzo,  sottoposto ad accertamento etilometrico, è risultato avere  un tasso alcolemico pari a g/l 1,65, di gran lunga superiore ai valori consentiti dalla LeggeI militari hanno anche ritirato la patente e sequestrato il furgone. 

E sempre i Carabinieri della Compagnia di Pontecorvo unitamente ai militari della stazione di Pico, hanno denunciato per ‘abuso edilizio in zona sottoposta a vincolo paesaggistico’ un pensionato di ottantatre anni che aveva fatto realizzare un’ampia piattaforma in cemento armato senza avere le dovute autorizzazioni edilizie. L’area è stata sequestrata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiuggi, polemica social per la battuta infelice di Max Tortora ai “Soliti Ignoti”

  • Coronavirus, le prime ordinanze dei Sindaci ciociari: quarantena per chi arriva dal Nord

  • Cassino sotto choc, muore dopo un grave malore il professor Raffaele Di Mambro

  • Cassinate, muore a quarant'anni mentre guarda la tv

  • Comandante della Polizia Locale muore durante la sfilata dei carri del carnevale

  • Coronavirus a Colleferro, una giornata di allarmismi ingiustificati. Ecco cosa è successo

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento