Artena, tantissima gente per la presentazione del piano di recupero del Centro storico

Venerdì 20 Marzo presso l’ex Granaio Borghese di Artena si è tenuto l'incontro di presentazione del Piano di recupero del Centro Storico della città di Artena sul quale la Regione Lazio con nota del 3 Febbraio scorso ha espresso parere favorevole.

Arte. prese. piano recu. relatori

Venerdì 20 Marzo presso l’ex Granaio Borghese di Artena si è tenuto l'incontro di presentazione del Piano di recupero del Centro Storico della città di Artena sul quale la Regione Lazio con nota del 3 Febbraio scorso ha espresso parere favorevole.

Arte. prese. piano recu. salaA redigere il piano riqualificatore della zona interessata: l’architetto Gianluca Lucarelli il quale con chiarezza e precisione ha spiegato con l’accompagnamento di slides ed immagini ai molti presenti in sala le norme e le determine previste dal ‘Piano’ in question alla presenza del Primo Cittadino di Artena: Felicetto Angelini, Daniele Leodori (Presidente del Consiglio regionale del Lazio ), Michele Civita (assessore politiche del territorio) , Loris Talone (assessore comune di Artena) , Carlo Scaccia (Assessore all’urbanistica), l’arch. Demetrio Carini (dirigente area urbanistica Regione Lazio), l’arch. Melissa Bubbico (resp. Servizio urbanistica comune di Artena), l’ On. Michele Civita Ass. (Urbanistica Regione Lazio), e Lara Caschera (consigliera con delega al recupero del centro storico cittadino).

Artena, comune italiano di 13.242 abitanti ed appartenente alla Comunità Montana dei Monti Lepini Area Romana è considerato per il suo centro storico e per le sue caratteristiche un piccolo tesoro archeologico. Il Piano di recupero in questione prevede il ‘recupero’ non solo estetico ma totale della vivibilità del centro stessp, una sfida da realizzare piuttosto ardua ma solo in questo modo sarà raggiunto l’obietto nella sua totalità.Il piano di recupero di Artena è l’unico che prevede il recupero completo della superficie calpestabile, a differenza dei comuni limitrofi ad Artena i quali rispettivi piani prevedono solo di riqualificare in parte la superficie.

Il piano della città di Artema è diviso in due parti: la prima comprende ben 10 tavole di analisi inerenti, la seconda parte è ricca di proposte progettuali suddivise in settori con regolamentazioni di interventi mentre l’altra parte si occupa solo degli interventi pubblici, ossia le norme alle quali si devono attendere i cittadini e gli interventi pubblici sul centro storico. Per quanto riguarda le insegne è stata ritrovata nel centro storico una preesistenza e da quella si sono costruiti e realizzati i modelli a cui attenersi per realizzare in seguito. Sono stati progettati scale, gradini, porte e portoni, finestre, cornicioni e comignoli, porte residenziali e non residenziali prendendo come modello dei referti originali per poi inserirli nell’Abaco delel norme tecniche.

"’Grazie a questo piano oggi è possbile fare più della semplice manutenzione dei reperti preesstenti. Tramite questo piano è possibile restituire ad Artena - ha spiegato l'architetto Lucarelli - un valore economico ed un rispettabile sviluppo’’. Nel piano che si occupa della parte pubblica è compresa l’intenzione di immettere degli ascensori tra un livello e l’altro del paese (preso dal modello della città di Perugia), per aiutare e valorizzare maggiormente il paese che si sviluppa principalmente in pendenza. Dalle aree verdi invece si vuol tentare di recuperare i possibili ruderi cinquecenteschi intensificando le aree di pregio. In conclusone l’architetto Lucarelli si è ritenuto soddisfatto della realizzazione ed ha chiuso dicendo: "Ringrazio l’ente pubblico del comune di Artena per l’incarico conferitomi, è stato un pregio per me’’. Egli crede nel progetto da lui redatto e si è ritenuto soddisfattissimo per il fatto che ha superatoa pieni voti gli iter ed è arrivato al raggiungimento della sua approvazione". Da oggi stesso il piano riqualificatore è visibile on-line sul sito dell’architetto Lucarelli e da Lunedì 23 Marzo risulterà consultabile anche sul sito del comune di Artena.

"Il rilancio del centro storico, con l’area non carrozzabile più vasta d’Europa, è un’importante occasione di crescita per Artena – ha spiegato l’assessore Carlo Scaccia – che potrà sviluppare all’interno di questa area anche attività commerciali come esercizi di vicinato per la vendita di prodotti alimentari o non, o entrambi, su area privata, con superficie di vendita fino a 250 mq. Inoltre con la quantità e qualità dei lavori che si prevedono anche l’indotto locale ne trarrà benefici sia in termini di occupazione che di economia, visto che Artena vanta imprese edili e artigiane di eccellenza”.

In sala anche il sindaco di Lariano Caliciotti ed il suo colega di Genazzano Fabio Ascenzi.

C. Guerrieri

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Giovane vola giù dal balcone in piena notte e muore sul colpo

  • Scappa di casa con la figlioletta. Torna, la lascia con il padre e se va dal suo nuovo amore conosciuto in rete

  • Alatri, l'ultimo e straziante saluto a Marco Cialone

  • Anagni, prima la pedina e poi la costringe a manovre pericolose con la sua auto. Arrestato stalker

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento