Fa una rissa con un "vu cumprà" e finisce in Questura

Il titolare di una lavanderia in centro si è ritrovato un nigeriano che voleva a tutti costi vendergli la sua merce nel negozio e non ci ha visto più

Ieri pomeriggio quando il titolare di una lavanderia ubicata nella parte bassa del capoluogo si è ritrovato ancora una volta a far fronte alle richieste di un “vu cumprà” che voleva a tutti costi vendergli la sua merce non ci ha visto più ed ha invitato l'ambulante abusivo ad uscire dal suo locale. 

Insulti e strattoni

Ma l'uomo, un nigeriano di 25 anni, per tutta risposta avrebbe cominciato ad insultarlo ed a strattonarlo. Prendere quel borsone e scaraventarlo sul marciapiedi, per il commerciante è stato un tutt'uno. Vista la piega che stava prendendo la situazione, qualcuno ha pensato bene di allertare una pattuglia della sezione Volanti. Gli agenti agli ordini del dirigente Flavio Genovesi hanno accompagnato il nigeriano in questura per accertamenti.

Richiedente asilo

E proprio dagli accertamenti effettuati sul suo conto è venuto fuori che si tratta di un ragazzo richiedente asilo, che alloggia in una delle tante cooperative ubicate nella provincia ciociara che si occupano dei migranti. Il giovane al momento sarebbe stato segnalato alla prefettura. In questo modo, ha riferito il dirigente della sezione Volanti, potrebbe perdere il privilegio di alloggiare nelle strutture preposte ed essere rimpatriato
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pontecorvo, incidente di via Leuciana, perde la vita l'autotrasportatore Tommaso Pulcini

  • Due carabinieri investiti da una macchina che ha forzato il posto di blocco

  • Il Magicland pronto per la nuova stagione ma scompare la parola Valmontone, una sconfitta della classe politica locale

  • Pontecorvo, dopo lo schianto di ieri sera in via Leuciana muore anche Luca Forte

  • Cassino, cade in un tombino lasciato aperto e si rompe la faccia

  • Sora, incidente all'alba, distrutta la fontana di piazza Garibaldi

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento