Cassino, dissequestrato l'impianto di depurazione del Cosilam

Il Gip del tribunale ha accolto la richiesta avanzata dal legale del Consorzio, l'avvocato Sandro Salera, dopo l'avvenuta messa a norma delle pompe di sollevamento

L'impianto di sollevamento e depurazione del Consorzio Industriale del Lazio Meridionale è stato dissequestrato. A disporre la messa in funzione, dopo una serie di migliorie e lavori riadeguativi messi in atto dalla presidenza, è stato il Gip del tribunale di Cassino, il dottor Salvatore Scalera che ha accolto la richiesta avanzata dai legali del Cosilam, gli avvocati Sandro Salera e Paolo Marandola. 

La vicenda

A far scattare i sigilli all'impianto di depurazione erano stati una serie di controlli messi in atto dagli investigatori del Gruppo Carabinieri-Forestale di Frosinone diretti dal tenente colonnello Giuseppe Lopez e dal maggiore Vito Masi. I miltari unitamente agli ispettori dell'Arpa avevano riscontrato delle irregolarità nella messa in funzione del depuratore. A chiedere l'intervento erano stati i residenti che registravano un odore nauseabondo e fuoriuscita di liquami lungo la strada e nei campi adiacente gli impianti.

Le immagini dei continui sversamenti

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba tolta alla madre, irruzione dei poliziotti nella casa famiglia

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Suora indagata, un'altra mamma racconta: "faceva dormire mia figlia nel letto intriso di urine"

  • Marco Luccarelli è scomparso da una settimana. L'appello del padre: "aiutatemi a ritrovare mio figlio"

  • La moglie muore in ospedale, il marito indagato per maltrattamenti e lesioni

  • “Vivo con le volpi dentro casa”. Con i lavori al polo logistico colleferrino gli animali scappano in cerca di cibo (video)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento