Cassino, retata antidroga alle prime ore dell'alba. Ecco chi sono gli arrestati

Il blitz è in corso in diverse zone della città martire. Gli investigatori del commissariato di Polizia di Stato stanno notificando le ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip. Tra i fermati anche una donna

Detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Questa l'accusa che ha portato in carcere tre persone, due uomini ed una donna, residenti a Cassino. Ad eseguire le ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip sono stati gli investigatori del commissariato di Polizia. Gli uomini del vice questore Raffaele Mascia hanno avviato gli accertamenti dopo che in zona si erano registrati malori a seguito di assunzione di eroina e cocaina da parte di giovani tossicodipendenti.

I dettagli dell'operazione

La Polizia di Stato del Commissariato di PS Cassino ha dato esecuzione ad ordinanza di misure cautelari, emessa dal Gip presso il Tribunale di Cassino dott.ssa Vittoria Sodani, nei confronti di tre soggetti poiché in concorso sono dediti ad una continuativa attività di spaccio di sostanze stupefacenti in Cassino.

Gli arrestati

In particolare è stata applicata la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di una donna di 48 anni mentre è stata disposta la misura degli arresti domiciliari nei confronti di due uomini di 25 anni (figlio della donna) e 53 anni (quest’ultimo già sottoposto a medesima misura cautelare per spaccio). Nel corso dell’esecuzione sono stati sequestrati al 25enne gr. 52 di hashish, gr. 10 di cocaina, gr. 3 di eroina e 600 euro; veniva pertanto arrestato in flagranza per detenzione di stupefacente ai fini di spaccio.

Le indagini

L’arresto è stato comunicato al Pubblico Ministero di turno dott. Eugenio Rubolino. L’attività di indagine condotta dagli investigatori del Commissariato di PS di Cassino, coordinati dal Sostituto Procuratore dott.ssa Arianna Armanini, ha fatto emergere una organizzazione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, nella quale la donna aveva un ruolo di vertice, assunto dopo l’arresto del marito. In particolare la donna provvedeva al rifornimento di diverse tipologie di sostanze stupefacente (eroina, cocaina, hashish) rifornendo successivamente gli altri due complici per la vendita ai consumatori.E’ stata inoltre accertata una diversificazione della distribuzione; al 53enne era affidato lo spaccio di eroina e cocaina, mentre il 25enne si occupava prevalentemente di hashish. Nel periodo attivo di indagine sono stati sequestrati diversi quantitativi di sostanza stupefacente. Le risultanze investigative hanno consentito di acquisire inequivocabili elementi probatori a carico dei tre soggetti, abitanti nello stesso stabile, caratterizzati da una elevata capacità criminale, ampia disponibilità di sostanze stupefacenti, instancabile attivismo e scaltrezza per non essere scoperti dagli organi di polizia. Il luogo ove abitano i soggetti coinvolti è caratterizzato da spaccio di sostanze stupefacenti, noto ai consumatori che vi si recano per l’acquisto. La piazza di spaccio è costantemente monitorata dagli investigatori della Polizia di Stato e non si escludono successivi sviluppi.

I sequestri operati nella mattinata odierna confermano l’attualità dell’attività criminosa dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti dell’organizzazione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Sport

    Frosinone-Atalanta 0-5, le pagelle: Pinamonti predica nel deserto. Disastro totale

  • Sport

    Frosinone-Atalanta 0-5, nerazzurri troppo forti

  • Cronaca

    Quattordicenne morto cadendo dal lucernario del suo palazzo, il giudice riapre le indagini

  • Cronaca

    Cassino, coinvolta in un incidente stradale, muore dopo quattro anni di coma

I più letti della settimana

  • Cassino, coniugi presi a martellate: l'arrestato è Alberto Di Cicco (le immagini del luogo dell'aggressione)

  • Cassino, dramma della follia: marito e moglie presi a martellate. Ricoverati con fratture al cranio ed al volto

  • Anagni, il marito imprenditore la costringeva a lavorare nel suo cantiere come manovale

  • Cassino, anziani presi a martellate, parla il figlio: "Vittime di una violenza che lascia senza fiato"

  • Cassino, impiegato comunale stroncato da un malore

  • Anziani presi a martellate, Alberto Di Cicco racconta la sua verità: "Ho prestato 4000 euro al figlio"

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento