Cervaro, tenta di uccidere il rivale in amore durante la 'notte bianca', arrestato

Un trentenne di Castrocielo è stato bloccato dalla Polizia Locale e dai Carabinieri. Armato di un coltellaccio, completamente fuori di senno, ha inseguito il presunto amante della moglie, un uomo di Pontecorvo, per le strade del paese seminando il panico

E' salvo per miracolo. E' riuscito a sfuggire ai fendenti di un coltellaccio da cucina grazie al pronto intervento di una vigilessa, di un collega e dei carabinieri. A Cervaro, ieri sera, si è evitata una tragedia per un soffio. Un uomo di trent'anni, infatti, ha incontrato per caso il presunto amante della moglie ed in pochi istanti visto 'nero'.

Il caos tra gli stand

E tra gli stand della 'notte bianca' e in piazza è scoppiato il caos. Tra grida di aiuto, grida di rabbia e il fuggi fuggi generale. A bloccare la furia scatenata e non senza difficoltà sono stati i militari del capitano Ivan Mastromanno che poi, come disposto dal magistrato Alfredo Mattei della Procura di Cassino, lo hanno arrestato con l'accusa di tentato omicidio e condotto in carcere.

La ricostruzione

Tutto ha avuto inizio poco dopo le 19 quando in piazza sono iniziati ad arrivare i primi venditori ambulanti. Una serata di allegria e spensieratezza che poteva invece finire in tragedia. Il trentenne e mancato omicida, residente a Castrocielo e difeso dall'avvocato Roberto Molle, stava allestendo il suo banco quando ha visto, in lontananza, il suo ex socio in affari e la presunta causa delle sue traversie coniugali. In pratica l'ex amico sarebbe stato l'amante della moglie. Una vendetta forse attesa da tempo e che avrebbe potuto trovare compimento a Cervaro.

Le coltellate

Il trentenne ha quindi afferrato un coltellaccio da cucina e si è avventato contro un ventotenne residente a Pontecorvo che è riuscito a schivare il fendente. Poi è iniziata la fuga in cerca di salvezza. Una scena che non è passata inosservata ai Vigili Urbani che hanno dato prima l'allarme al 112 e poi cercato di placare l'ira funesta del 'tradito' che ora si trova in una cella della casa circondariale di via Sferracavalli. E i vecchi detti non sbagliano mai... 'cornuto e mazziato'.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto di lusso importate dall'estero, truffati politici e calciatori di caratura nazionale. 9 arresti in Ciociaria

  • Tre quintali di carne, pesce e salumi sequestrati al mercato. Ambulanti ciociari si scagliano contro i vigili urbani

  • Ecco il primo Burger King a Frosinone, apertura entro fine novembre

  • Fiuggi, botte alla mamma. Due sorelline la salvano con una videochiamata alla nonna

  • Omicidio Morganti, concessi i domiciliari a Paolo Palmisani. Tornerà a casa con il bracciale elettronico

  • Cassino, è Antonio Pecchia il disabile trovato morto in casa (foto e video)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento