Esperia, trovato il coltello utilizzato da Mario Teoli per uccidere il padre Antonio

L'oggetto era stato abbandonato in un campo adiacente l'abitazione, sotto un albero. A notarlo due donne impegnate nella raccolta delle olive. La lama di 15 centimetri compatibile con i fendenti.

I quattro colpi all'addome che hanno ucciso Antonio Teoli potrebbero essere stati provocati da un coltello trovato abbandonato in un campo, poco lontano dalla casa della mattanza ad Esperia. La lama da 15 centimetri, infatti, potrebbe essere compatibile con i fendenti mortali scagliati da Mario Teoli, figlio del pensionato di sessantotto anni, assassinato il primo agosto scorso. 

Il rinvenimento

A trovare il coltello sono state due donne, residenti in zona e impegnate nella raccolta delle olive in un campo di loro proprietà. Alla vista dell'oggetto, nascosto tra l'erba incolta, ai piedi di un albero, le signore hanno allertato il 112. In pochi minuti dalla caserma dei carabinieri di Pontecorvo è partita una squadra di investigatori che hanno informato la Procura e repertato il coltello. Da quasi quattro mesi, infatti, gli inquirenti erano alla ricerca dell'oggetto tagliente che aveva portato Antonio Teoli alla morte.

Il fatto

L'omicidio del pensionato è maturato in un contesto di forte degrado. Padre e figlio, entrambi sotto effetto di alcol, hanno iniziato a litigare furiosamente. Al culmine dell'alterco, secondo una ricostruzione dei Carabinieri, Mario avrebbe impugnato un oggetto tagliente e aggredito il padre. Poi alla vista del sangue forse riprendendo lucidità, ha chiesto aiuto al 112 ed al 118. Quando i soccorsi sono arrivati nella casa situata alla periferia di Esperia per l'uomo non c'era più nulla da fare. Il figlio, sotto choc, era in giardino. Di quei momenti non ricorda nulla. Mario Teoli è attualmente richiuso nel carcere di Cassino con l'accusa di omicidio preterintenzionale. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Giovane vola giù dal balcone in piena notte e muore sul colpo

  • Scappa di casa con la figlioletta. Torna, la lascia con il padre e se va dal suo nuovo amore conosciuto in rete

  • Incidente sul lavoro, falegname si amputa tre dita di una mano, è grave

  • Anagni, prima la pedina e poi la costringe a manovre pericolose con la sua auto. Arrestato stalker

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento