Esplosione Rocca di Papa, una ditta ciociara finisce nei guai

Il titolare della società con sede a Monte San Giovanni Campano interrogato per ore dai carabinieri. Ancora gravi le condizioni del sindaco e di una bimba di cinque anni. Oltre cento gli sfollati

Disastro colposo: di questo reato potrebbero rispondere i titolari della ditta di Monte San Giovanni Campano che stava effettuando i lavori lungo la condotta dal gas metano nei pressi del palazzo comunale di Rocca di Papa. Il responsabile della società ciociara ed i dipendenti sono stati ascoltati per ore dai Carabinieri del gruppo di Frascati e della Compagnia di Grottaferrata. Rintracciati anche i tre esperti che, sempre per conto della ditta monticiana, stavano effettuando dei carotaggi e che nei minuti antecedenti l'esplosione sarebbero fuggiti.

Una deflagrazione violenta quella avvenuta nella parte sottostante il palazzo municipale situato in corso Costituente e che ha portato al grave ferimento del sindaco Emanuele Crestini e di una bimba di appena cinque anni. Sedici le persone rimaste ustionate o ferite dal cadere dei calcinacci. Oltre cento i cittadini che sono stati evacuati dalle loro abitazioni rimaste danneggiate dal violento scoppio avvenuto ieri mattina poco prima delle undici. Una tragedia sfiorata sulla quale la Procura di Velletri intende fare chiarezza e per questo motivo è stato aperto un fascicolo per disastro colposo e lesioni gravi e gravissime.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari dell'Arma hanno ascoltato le testimonianze di coloro che si sono trovati nei pressi del municipio e loro malgrado hanno assistito al fatto. Non solo. E' stato anche rinvenuto e sequestrato uno straccio che potrebbe essere stato utilizzato per tamponare, alla meno peggio, la fuga di gas provocata dal foramento della condotta del gas. Gli operai invece di dare l'allarme avrebbero pensato ad allontanarsi di gran fretta, come riferito da molti presenti, e in pochi minuti l'aria in tutta la zona è divenuta irrespirabile e caldissima. Una fuga, fermata dai Carabinieri della compagnia di Frascati, che gli potrebbe costatare anche il mancato allarme e l'omissione di soccorso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la nuova mappa del contagio ridisegnata dalla Prefettura di Frosinone

  • Coronavirus, le mappe del contagio: positivi e deceduti dei Comuni in provincia di Frosinone

  • Coronavirus, test rapidi per tutti: la Regione Lazio invoca un'unica strategia nazionale

  • Coronavirus, infermiera positiva 'evade' dalla quarantena e torna al lavoro in ospedale

  • Coronavirus, trend dei contagi stabile in Ciociaria. Una 15enne trasferita da Frosinone al Bambino Gesù

  • Coronavirus, contagi raddoppiati in poche ore a Valmontone

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento