Ferentino, stupro di gruppo, finisce in carcere l'ultimo delle "Iene"

I carabinieri hanno eseguito l'ordinanza di carcerazione per uno dei ragazzi del branco. Dovrà scontare cinque anni e quattro mesi di prigione

Stupro di gruppo in un casolare di Ferentino, finisce in carcere l'ultma "iena".  Nella giornata di ieri i carabinieri della compagnia di Frosinone hanno tratto in arresto Elvis De Silva un ragazzo di 30enne del capoluogo ciociaro in esecuzione dell’ordinanza di carcerazione emessa dai giudici della corte di Cassazione che hanno confermato la condanna già emessa in corte di Appello. La sentenza dunque è passata in giudicato. Il giovane dovrà scontare cinque anni e quattro mesi di reclusione. L'accusa è “violenza sessuale di gruppo. 

Lo stupro nel casolare

La vicenda risale alla notte tra il 3 ed il 4 settembre 2016 quando una ragazza era stata vista vagare in stato confusionale da una automobilista lungo la Casilina.Chiedendo alla giovane se aveva bisogno di aiuto la ragazza in lacrime aveva raccontato di essere stata vittima di violenza sessuale da parte di un gruppo di ragazzi che con l'inganno l'avevano accompagnata in un casolare disabitato a Ferentino. Lei approfittando di un attimo di distrazione degli aguzzini era riuscita a fuggire. A seguito di quel racconto era scattata la denuncia presso la stazione dei carabinieri. I militari che avevano avviato le indagini nel giro di poco tempo avevano stretto il cerchio nei confronti di sei persone.

L'amicizia di un rom conoscituto su facebook

Tra queste un 37enne di origine rom con il quale la ragazza aveva stretto amicizia su facebook. Successivamente, erano stati tutti arrestati. A conclusione dell'operazione "Le iene" gli indagati erano finiti in carcere. Poco dopo avevano beneficiato dei domiciliari.In carcere era rimasto soltando il 37enne. Ma nei giorni scorsi la Cassazione ha stabilito che gli arrestati dovranno tutti rientrare in carcere per finire di espiare la pena. 

La vicenda delle "iene" non è ancora conclusa. Resta in piedi il procedimento penale per A.S. il ragazzo di 27 anni che a differenza degli altri imputati hanno chiesto il rito abbreviato. Il giovane che ha sempre sostenuto la sua innocenza ha chiesto di essere processato con il rito ordinario. L'udienza è stata fissata per il prossimo 26 marzo. Sarà difeso dall'avvocato Ascanio Cascella. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I dettagli del tentato omicidio. Dopo la discussione, lo sparo alla testa mentre era in auto

  • Cassino, gli arriva una cartella da oltre 1000 euro dopo una firma di un corriere

  • Alatri, Giancarlo Straccamore trovato morto nella sua abitazione

  • Raid notturno a casa della fidanzata dell'albanese che ha sparato ad un suo connazionale

  • Omicidio Mollicone, Lavorino alle Iene: "Serena uccisa dal brigadiere Santino Tuzi"

  • Buone notizie per l’ospedale di Frosinone, ostetricia e ginecologia premiati con due bollini rosa

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento