Ferentino, botte ai genitori per i soldi dei videopoker, l'avvocato punta all'infermità mentale

Dalla perizia psichiatrica effettuata da un consulente sarebbe emerso un parziale vizio di mente. Per tal motivo il giudice ha accolto la richiesta del difensore di giudicare l'imputato con rito abbreviato

Aveva ammazzato di botte gli anziani genitori che non volevano dargli i soldi per andare a giocare alle macchinette videopoker. A seguito di tali fatti un 49enne ferentinate era stato arrestato. L'uomo per circa due mesi era rimasto in carcere. Poi il suo avvocato difensore Antonio Ceccani era riuscito a farlo scarcerare chiedendo una misura alternativa alla detenzione.

L'uomo era rimasto in carcere per due mesi

Il giudice aveva disposto l'obbligo di firma. Ma l'inchiesta è andata avanti. E proprio a seguito delle indagini il legale che aveva chiesto una perizia psichiatrica per poter stabilire se il suo cliente fosse in grado di intendere e di volere. Dai risultati dalla perizia sarebbe emerso il vizio parziale di mente. Per tal motivo in subordine a questa, il legale Ceccani aveva chiesto che l'uomo venisse giudicato con il rito abbreviato. Il giudice ha accolto la richiesta. Nelle prossime settimane il 49enne dovrà comparire in aula. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiuggi, polemica social per la battuta infelice di Max Tortora ai “Soliti Ignoti”

  • Coronavirus, le prime ordinanze dei Sindaci ciociari: quarantena per chi arriva dal Nord

  • Omicidio Mollicone, l'intercettazione telefonica che inchioda i Mottola

  • Cassino sotto choc, muore dopo un grave malore il professor Raffaele Di Mambro

  • Comandante della Polizia Locale muore durante la sfilata dei carri del carnevale

  • Cassinate, muore a quarant'anni mentre guarda la tv

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento