Ferentino, mazzette per i lavori al cimitero. Amministratore arrestato insieme ad esponenti della camorra

Dopo il maxi appalto 6 Mln di euro l’uomo si era rivolto a malavitosi napoletani per far estorcere il denaro all’imprenditore di Tivoli che però ha denunciato il tutto ai carabinieri della locale stazione

Si era rivolto a personaggi vicini alla camorra napoletana per farsi dare i soldi della maxi mazzetta dopo avergli fatto prendere un appalto di 6 Mln di euro per la costruzione dei loculi al cimitero di Ferentino. Stamattina un amministratore di questo importante comune del nord Ciociaria è stato arrestato insieme ad altre 4 persone.

L’operazione dei carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Tivoli, tra la provincia di Roma e Frosinone, stanno dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Procura della Repubblica– Direzione Distrettuale Antimafia, che dispone l’arresto di cinque soggetti, resisi responsabili, a vario titolo, di estorsione, aggravata dal metodo mafioso,  ai danni di un giovane  imprenditore di Tivoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’indagine

L’indagine dei Carabinieri, infatti,  ha fatto emergere come un pubblico amministratore locale, per convincere l’imprenditore tiburtino a pagare una ingente somma di denaro, in seguito ad un appalto  di circa 6 milioni di euro che si era aggiudicato, utile alla costruzione ed alla gestione  di loculi presso il cimitero del comune di Ferentino, si era rivolto a personaggi contigui ad un clan camorristico di Napoli centro, stanziati  a Roma, che hanno agito sfruttando la forza di intimidazione del clan, mediante l’uso di armi  e perfino mediante veri e propri raid nella sede dell’azienda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gratta un biglietto 'miliardario' e vince 500 mila euro

  • Tragico incidente nella notte, muore un 37 enne di Colleferro

  • Colpaccio della Polizia, imprenditore arrestato con un chilo di cocaina e una pistola

  • Dipendente comunale per dieci anni usufruisce della Legge 104 riservata agli invalidi ma era tutto falso

  • Coronavirus, chiusa un’azienda che lavora il ferro a Morolo

  • Cassino, a rischio chiusura reparti fondamentali dell’ospedale Santa Scolastica

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento