Compra uno smartphone on-line ma viene preso in trappola ed aggredito

Nel momento in cui esibisce le  banconote,  con gesto fulmineo, il venditore gli strappa di mano i soldi e si da alla fuga, aiutato da complici che, armati di spranghe di ferro,aggrediscono il malcapitato

Un 37enne sta navigando su internet quando la sua attenzione viene attirata da un messaggio postato su Facebook da un suo conoscente, che proponeva la vendita di un cellulare a prezzo scontatissimo.L’uomo mostra interesse per quell’ “affare” e prende contatti con l’improvvisato intermediario. L’acquirente, in compagnia di sua moglie, in stato di gravidanza, si reca all’appuntamento, ignaro che quell’incontro diventerà, ben presto, una trappola.

L'aggressione

Nel momento in cui esibisce le banconote,  con gesto fulmineo, il venditore la vendita gli strappa di mano i soldi e si da alla fuga, aiutato da complici che, armati di spranghe di ferro,aggrediscono il malcapitato. Ma l’incubo per il 37enne non è ancora finito.  Un nuovo tranello, è stato escogitato ai suoi danni: un altro “incontro” violento lo aspetta. Sorpreso alle spalle, viene nuovamente  malmenato da due persone; una di queste è sempre quel fantomatico intermediario. La vittima, che ha dovuto far ricorso alle cure dei sanitari, richiede l’intervento della Squadra Volante della Questura.

Le indagini

I poliziotti ricostruiscono l’accaduto: il rapinatore è un noto pregiudicato residente nel capoluogo; nel giro di brevissimo tempo  è intercettato e arrestato, con l’accusa di rapina aggravata. Proseguono le indagini per dare un nome ai complici.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Cassino, è Guido Luciano il giovane trovato morto in un appartamento di via Garigliano

  • Bomba d’acqua nel nord della Ciociaria e tra Colleferro e Valmontone (video)

  • Mercoledì i funerali del camionista Francesco Spaziani, morto mentre si trovava in Francia

  • Mette due camionisti in cassa integrazione per assumerne altri in nero, imprenditore ciociaro sotto processo

  • Finti posti di lavoro per truffare lo Stato, nuovamente arrestati Marco e Marcello Perfili

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento