Baby sitter molestata dal datore di lavoro, scatta la denuncia

Vittima della molestia una studentessa di 17 anni residente nel capoluogo ciociaro

immagine di repertorio

Baby sitter di 17 anni molestata sessualmente da suo datore di lavoro, scatta la denuncia. Il fatto risale a circa un mese fa quando la minorenne, studentessa residente nel capoluogo ciociaro aveva trovato questo lavoro che avrebbe dovuto svolgere nei mesi estivi. Il suo compito era quello di badare ad una bambina di sei anni figlia di due professionisti. Ben presto però si era resa conto di essere diventata oggetto di desiderio del suo datore di lavoro. L'uomo un 48enne originario delle Puglie, quando si trovava da solo con la ragazza non perdeva occasione per molestarla sessualmente. La giovane stanca di quella situazione aveva minacciato di raccontare tutto alla moglie.

Il Licenziamento

Ma quest'ultimo incurante di quelle parole aveva risposto alla ragazza che l'avrebbe denunciata per calunnia e che la moglie avrebbe creduto alle sue parole e non a lei. A quel punto la ragazza aveva preferito licenziarsi non senza però raccontare tutto ai genitori i quali tramite l'avvocato Luca Solli hanno fatto scattare la denuncia per il reato di molestia sessuali.

(immagine di repertorio)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, da Frosinone 700 mila mascherine riutilizzabili fino a 50 volte

  • Alatri, tragedia a Tecchiena: scoppia bombola di gas e muore un anziano. Identificata la vittima

  • Coronavirus, bollettino 25 marzo: morto, purtroppo, il 62enne frusinate Gaetano Corvo, docente in pensione

  • Coronavirus, muore dopo essere guarito dal Covid-19

  • Perde il controllo del grosso tir e si intraversa su via Palianese (foto e video)

  • Coronavirus, scoppia il caso Città Bianca: ben 16 positivi nella Casa di Cura di Veroli

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento