Cinque ragazzine ciociare coinvolte nel "Blue Whale" il gioco russo che porta al suicidio

Indagato un ventenne residente nel nord Italia che inserendosi nel loro gruppo whatsapp aveva il ruolo di stabilire le prove di coraggio da affrontare. Il tutto si è scoperto dopo la denuncia di una mamma

Cinque ragazzine ciociare coinvolte nel Blue Whale, quel gioco proveniente dalla Russia che istiga al suicidio. Il gioco si articola in un percorso che viene diretto da un "curatore". Nello specifico un soggetto decide di volta in volta quali sono le sfide da superarare. Si tratta di prove di coraggio molto forti quali, tagliarsi le braccia con una lametta, saltare dai piani alti delle case o sdraiarsi sui binari mentre il treno è in transito. Un gioco macabro che ha come traguardo  finale il suicidio.

Una delle vittime si era tagliata con la lametta un braccio

Tutto è venuto fuori quando una mamma residente in un paesino limitrofo al capoluogo ciociaro ha scoperto che la figlia, con una lametta si era incisa sul braccio la parola "morte". Quei segni che aveva la figlia sull’arto inferiore li aveva già visti in alcune foto che erano state mandate in onda in un servizio televisivo che parlava proprio di questo gioco mortale molto in voga tra i giovanissimi. Così dopo averle sequestrato il telefonino si era rivolta all'avvocato Luca Solli per chiedere aiuto.

La 'mente' vive nel nord Italia

La bambina, sollecitata dal legale, aveva confessato che a muovere le fila di quel gioco era un ragazzo residente nel nord Italia che figurava in uno dei suoi gruppi whatsapp. E proprio in quel gruppo altre quattro bambine tutte con una età inferiore ai dodici anni e tutte residenti in Ciociaria risultavano registrate al gioco del "Blue Whale".Un gioco macabro che le avrebbe portate inevitabilmente verso la propria morte.

Il giovane deve rispondere di istigazione al suicidio

Dalle ultime indiscrezioni trapelate sembra che il giovane subito dopo la denuncia dell'avvocato Solli è stato iscritto sul registro degli indagati per l'ipotesi di reato di istigazione al suicidio. Fortunatamente grazie a quella mamma cinque bambine sono state salvate dalla "balenottera azzurra", questo in italiano il nome del gioco che porta alla morte. E' stato definito così perchè le balenottere una volta spiaggiate muoiono. 

Potrebbe interessarti

  • Minacce alla moglie, noto medico verolano sospeso dalla Asl di Frosinone

  • Il ricordo di Nadia Toffa: quella volta che parlò dei tumori della Valle del Sacco

  • Ferentino, gioca un euro al "Million Day" e si porta a casa un milione

  • Cassino, ecco le zone dove lunedì 19 e martedì 20 mancherà l'acqua

I più letti della settimana

  • Sora-Arpino, notte di sangue. Auto contro un muretto muore la giovane Stella Tatangelo (foto)

  • Sora, l'ultimo straziante saluto a Stella tra gli amici e le rose bianche (video)

  • Cassino-Formia, con l'auto sullo spartitraffico. Grave una ragazza di 24 anni

  • Trovato morto in un lago di sangue dall'anziana mamma

  • Con la moto contro un’auto, muore il 38 enne Giampaolo Tummolo nel giorno di San Lorenzo

  • Mangiano crema avariata in un ristorante, sette intossicati

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento