Frosinone, con il coordinamento della Prefettura scattata la Prevenzione e Repressione del giogo illegale per la tutela dei Minori

Durante una delle ultime Riunioni di Coordinamento delle Forze di Polizia, sulla base delle direttive ministeriali inerenti le modalità operative di controllo degli esercizi abilitati alla gestione degli apparecchi elettronici da intrattenimento...

Com_Prevenzione-Repressione_Gioco_Illegale-WEB

Durante una delle ultime Riunioni di Coordinamento delle Forze di Polizia, sulla base delle direttive ministeriali inerenti le modalità operative di controllo degli esercizi abilitati alla gestione degli apparecchi elettronici da intrattenimento, con particolare riferimento ai Centri di Trasmissione Dati che non hanno aderito alla procedura di emersione fiscale, sono stati definiti i dettagli delle operazioni di Prevenzione e Repressione del fenomeno criminoso.

Le attività di verifica delle licenze, delle relative tabelle esposte ma soprattutto dell’ utilizzo degli apparecchi elettronici di intrattenimento da parte di Minori, nonché del regolare possesso dei prescritti titoli autorizzativi, si sono svolte dal 15 al 19 giugno 2015, come richiesto dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, la sicurezza del gioco e la tutela dei minori.

Gli oltre 180 uomini della Polizia di Stato, dell’ Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, impegnati in una delle operazioni congiunte più imponenti di questi ultimi mesi, hanno permesso di controllare quasi 200 esercizi, riscontrando 18 violazioni, con il deferimento all’ autorità giudiziaria di undici persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anagni, 15enne muore durante l' elitrasporto al Bambino Gesù

  • Sora, muore a soli 35 anni l'autotrasportatore Gianluca Caschera

  • Cassino, raccapricciante scritta nei confronti del segretario della Lega giovani

  • Incidente alla stazione di Ceccano, una persona finisce sotto al treno

  • Fiuggi, spaccio tra i vicoli del centro anche a minorenni. Ecco chi sono i quattro arrestati

  • Pensava di essere povero, invece era titolare di ben nove ditte di trasporti, disabile raggirato

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento