Il ricordo e l'ultimo saluto dei cittadini a Padre Giacomo Cirelli

Tante le persone che hanno voluto omaggiare il sacerdote storico membro della parrocchia di San Gerardo di Frosinone

Tanta commozione per l’ultimo saluto a Padre Giacomo Cirelli, storico membro della parrocchia di San Gerardo di Frosinone. Si sono svolti giovedì alle 16:00 i funerali del sacerdote, con molte persone che, nonostante il caldo, hanno riempito la chiesa situata nella parte alta del capoluogo.

Nato nel 1932, Padre Giacomo era originario di Campoli Appennino ed è diventato sacerdote nel 1970. Il sacerdote ha vissuto nella comunità di San Gerardo a Frosinone, nella chiesa Madonna delle Grazie e a Veroli nella parrocchia della Madonna del Buon Consiglio a Scifelli. L’uomo non celebrava ormai messa da diverso tempo a causa di problemi di salute, ma aveva sempre la vicinanza di tutta la comunità parrocchiale. Giacomo Cirelli, inoltre, è stato anche un bravissimo insegnante di musica al Magistrale di Frosinone.

«Grande ascoltatore, dote adesso tanto apprezzata quanto poco comune»; «Lo porto sempre nel mio cuore insieme ai miei ricordi più cari che hanno segnato la mi crescita»; «Bravissima e buonissima persona, lo ricordo come sacerdote e come professore di musica alle magistrali»; «Grande sacerdote! Senza di lui la chiesa di San Gerardo non è più la stessa». Alcuni dei tanti messaggi arrivati sui social che testimoniano l’affetto dei cittadini frusinati verso Padre Giacomo Cirelli.

Foto in evidenza pubblicata da Margherita Gabrielli sul gruppo “Sei di Frosinone se…”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, bus tampona compattatore dei rifiuti, grave l'autista (foto)

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Colleferro, commozione e lacrime al funerale di Giuseppe Sinibaldi (foto)

  • San Vittore, terribile schianto in A1: giovane autista perde una gamba

  • Cassino, autista ferito e trasferito dopo ore: esposto dei familiari contro il pronto soccorso

  • Fuori in permesso, non fa ritorno al carcere di Frosinone. Ricercato un pericoloso detenuto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento