Pugni alla moglie malata di alzheimer in ospedale, marito indagato

Dopo una settimana da quella aggressione la donna è deceduta. Effettuato l'esame autoptico sulla salma per accertare la natura del decesso

Avrebbe picchiato l’anziana moglie malata di Alzheimer mentre si trovava ricoverata in ospedale a Frosinone. A seguito del decesso della donna, avvenuto una settimana dopo l'aggressione fisica, la procura ha iscritto il marito sul registro degli indagati per i reati di maltrattamenti, lesioni ed appropriazione indebita. I fatti risalgono allo scorso maggio, quando la signora classe 1935 da tempo affetta da demenza degenerativa, era stata ricoverata in ospedale perché a causa di una caduta  in casa, aveva riportato la frattura delle costole, di una rotula e di un  braccio. 

Il testimone oculare dell'aggressione alla moglie

A detta del marito si era trattato di una caduta accidentale. Ma proprio all’interno del nosocomio frusinate sarebbe avvenuta  una cosa sconvolgente che ha fatto sospettare che le lesioni riportate dalla moglie fossero scaturite da maltrattamenti pregressi. L'uomo di 83 anni, sarebbe stato visto da alcune persone che si trovavano nella stessa camerata dove era ricoverata l’anziana, mentre colpiva la moglie sferrandole dei pugni in testa e cercando di tappargli la bocca per impedirle di  respirare. Soltanto le urla dei presenti che hanno chiesto immediatamente aiuto, avrebbero impedito all’uomo di proseguire in quell’azione criminosa. Da informazioni trapelate sembra che l’anziano subito dopo il fatto si sarebbe dato alla fuga. 

La denuncia

Sono stati proprio i sanitari dell’ospedale di Frosinone, una volta informati del grave episodio consumato nella stanza, a far scattare la denuncia alla procura. Come già accennato, la paziente è morta una settimana dopo quell’aggressione. Per tale  motivo il magistrato che sta seguendo le indagini ha disposto l’esame autoptico. Esame che è stato effettuato nei giorni scorsi. Precedentemente, va detto, i familiari si erano rivolti al giudice affinchè accogliesse la loro richiesta di poter accudire la madre in quanto avevano notato che il genitore la trascurava molto. 

I figli si sono rivolti ad un avvocato

Per tale motivo avevano affidato all'avvocato Eliseo Di Francesco l'incarico di rappresentarli nelle opportune sedi. Nel gennaio del 2019 avevano deciso di ricoverare la genitrice in una struttura privata del cassinate. Ma il padre dopo qualche settimana dal ricovero si era recato nella struttura per riprendersi la moglie. E i figli non avevano potuto fare nulla.

L'esame autoptico

A loro dire la pensione di invalidità della mamma veniva gestita dal genitore in modo inadeguato. La situazione è precipitata nel maggio scorso, quando i familiari erano stati informati che la loro congiunta,  era stata ricoverata in ospedale con diverse fratture. Adesso resta da capire se il marito avesse già infierito su quel corpo già debilitato nel fisico e nella mente. La risposta a questa domanda potrà darla soltanto l’esame autoptico. I risultati sono previsti tra sessanta giorni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bomba d’acqua nel nord della Ciociaria e tra Colleferro e Valmontone (video)

  • Cassino, è Guido Luciano il giovane trovato morto in un appartamento di via Garigliano

  • Ceccano, riprende la moglie con una telecamera mentre fa sesso con un altro, incriminato per stalking

  • Cassino, il video virale del rapper nigeriano che 'vola' mentre canta le bellezze della città

  • Mercoledì i funerali del camionista Francesco Spaziani, morto mentre si trovava in Francia

  • Serrone, drammatico frontale su Via Prenestina. Tre persone ferite (foto)

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento