Garza dimenticata nell'addome: scagionati i medici, condannata l'Asl

Il tribunale di Cassino ha stabilito che l'Azienda Sanitaria di Frosinone non ha rispettato il 'Codice di condotta'

L'ospedale di Cassino

Una garza dimenticata nell'addome di un paziente dopo un'appendicite è costata all'Azienda Sanitaria di Frosinone una condanna da parte del tribunale di Cassino. 

I motivi della sentenza

Il giudice, Claudio Fassari, ha infatti stabilito che la responsabilità del grave fatto non andasse attribuita ai due chirurghi, entrambi difesi dall’avvocato Antonella Verrecchia,  all’anestesista, alle ferriste di sala operatoria che hanno partecipato all’intervento e tutti sanitari dipendenti dell’Ospedale Santa Scolastica di Cassino ma bensì alla stessa Azienda per due motivi: 1) Per insussistenza o mancata prova di una condotta dolosa o gravemente colposa da parte dei sanitari che parteciparono all’operazione; 2) Per il mancato apprestamento di procedure o linee di condotta operatoria. In sintesi il giudice Claudio Fassari ha imputato dunque all’Azienda Asl di Frosinone di non aver adottato - all’epoca dei fatti - “un CODICE DI CONDOTTA”, ovvero il PROTOCOLLO raccomandato dal Ministero della Salute in merito al conteggio delle garze utilizzate durante gli interventi di chirurgia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I fatti

Nel 2005 un uomo necessita di un intervento urgente di appendicite. Viene quindi sottoposto ad operazione che tecnicamente risulta essere andata bene. Qualche settimana dopo, però, il paziente manifesta atroci dolori all’addome che lo portano ad essere ricoverato presso il Policlinico di Napoli dopo viene nuovamente operato. I chirurghi campani trovano, infatti, una garza probabilmente dimenticata dai colleghi di Cassino. Scatta la denuncia e in otto finisco sotto indagine. L’avvocato Antonella Verrecchia, invece, è riuscita a dimostrare che la responsabilità di quanto accaduto non poteva essere imputata a chi, in sala operatoria, era stato chiamato d’urgenza ma all’Asl che non aveva adottato tutte le procedure previste in questi casi straordinari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore fatale lungo la strada per Montecassino, muore Enio Spirito

  • Pontecorvo, muore giovane finanziere, comunità sotto choc

  • Ceccano, è Marcello Pisa il morto trovato nel carrello. Nuovi dettagli raccapriccianti

  • Ceccano, Marcello Pisa morto non lontano dal carrello in cui è stato trovato

  • Scandalo alla Croce Rossa, il presidente denuncia ammanchi per 300 mila euro

  • Amazon a Colleferro, al via la selezione per i magazzinieri. Ecco come fare per candidarsi

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento