Giallo Bove, conclusa l'autopsia sul corpo di Emanuele: grande riserbo sul risultato degli accertamenti

Il medico legale Daniela Lucidi per oltre tre ore ha verificato ogni singolo aspetto del decesso. Il 42enne trovato morto lunedì sera era cardiopatico e in cura da anni. Un aspetto questo noto a chi lo conosceva e frequentava

Emanuele Bove

Quattro ore di esame autoptico per cercare di dare una spiegazione ad una morte repentina ed assurda. Il medico legale incaricato dalla Procura di Cassino, la dottoressa Daniela Lucidi, ha da poco concluso gli accertamenti sul corpo di Emanuele Bove, il 42enne di Sant'Andrea sul Garigliano, trovato morto nella serata di lunedì, nel centro del paese. Per il suo decesso ad essere stato iscritto nel registro degli indagati con la pensate accusa di omicidio è stato un operaio di San Giorgio a Liri, Maurizio Lucciola, difeso dall'avvocato Raffaele Panaccione

La ricostruzione degli ultimi istanti di vita

Lo stesso, infatti, dopo essere stato interrogato dai Carabinieri della Compagnia di Cassino, ha ammesso che lunedì sera, per motivi passionali, avrebbe danneggiato a colpi di ascia, la Peugeot di Bove, parcheggiata davanti al cimitero del paese. Poi, dopo l'atto vandalico, sarebbe andato via. Una versione che non convince il magistrato Chiara D'Orefice ed i Carabinieri del luogotenente Gennaro Raucci. Per questo motivo è stata quindi disposta l'autopsia. Per capire se il 42enne possa essere stato colpito, magari con un pugno, ed abbia tentato di fuggire perdendo poi i sensi nei pressi della farmacia, ed a 200 metri di distanza dalla macchina o se possa essere stato stroncato da un malore provocato dal grande spavento. Anche in questo caso la posizione dell'indagato potrebbe essere compromessa. Perchè le condizioni fisiche di Emanuele Bove ed il fatto che fosse malato di cuore e in cura era cosa nota a tutti coloro che lo conoscevano e frequentavano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Auto di lusso importate dall'estero, truffati politici e calciatori di caratura nazionale. 9 arresti in Ciociaria

  • Tre quintali di carne, pesce e salumi sequestrati al mercato. Ambulanti ciociari si scagliano contro i vigili urbani

  • Ecco il primo Burger King a Frosinone, apertura entro fine novembre

  • Fiuggi, botte alla mamma. Due sorelline la salvano con una videochiamata alla nonna

  • Omicidio Morganti, concessi i domiciliari a Paolo Palmisani. Tornerà a casa con il bracciale elettronico

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento