Giallo Bove, conclusa l'autopsia sul corpo di Emanuele: grande riserbo sul risultato degli accertamenti

Il medico legale Daniela Lucidi per oltre tre ore ha verificato ogni singolo aspetto del decesso. Il 42enne trovato morto lunedì sera era cardiopatico e in cura da anni. Un aspetto questo noto a chi lo conosceva e frequentava

Emanuele Bove

Quattro ore di esame autoptico per cercare di dare una spiegazione ad una morte repentina ed assurda. Il medico legale incaricato dalla Procura di Cassino, la dottoressa Daniela Lucidi, ha da poco concluso gli accertamenti sul corpo di Emanuele Bove, il 42enne di Sant'Andrea sul Garigliano, trovato morto nella serata di lunedì, nel centro del paese. Per il suo decesso ad essere stato iscritto nel registro degli indagati con la pensate accusa di omicidio è stato un operaio di San Giorgio a Liri, Maurizio Lucciola, difeso dall'avvocato Raffaele Panaccione

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ricostruzione degli ultimi istanti di vita

Lo stesso, infatti, dopo essere stato interrogato dai Carabinieri della Compagnia di Cassino, ha ammesso che lunedì sera, per motivi passionali, avrebbe danneggiato a colpi di ascia, la Peugeot di Bove, parcheggiata davanti al cimitero del paese. Poi, dopo l'atto vandalico, sarebbe andato via. Una versione che non convince il magistrato Chiara D'Orefice ed i Carabinieri del luogotenente Gennaro Raucci. Per questo motivo è stata quindi disposta l'autopsia. Per capire se il 42enne possa essere stato colpito, magari con un pugno, ed abbia tentato di fuggire perdendo poi i sensi nei pressi della farmacia, ed a 200 metri di distanza dalla macchina o se possa essere stato stroncato da un malore provocato dal grande spavento. Anche in questo caso la posizione dell'indagato potrebbe essere compromessa. Perchè le condizioni fisiche di Emanuele Bove ed il fatto che fosse malato di cuore e in cura era cosa nota a tutti coloro che lo conoscevano e frequentavano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore fatale lungo la strada per Montecassino, muore Enio Spirito

  • Ceccano, è Marcello Pisa il morto trovato nel carrello. Nuovi dettagli raccapriccianti

  • Pontecorvo, muore giovane finanziere, comunità sotto choc

  • Ceccano, Marcello Pisa morto non lontano dal carrello in cui è stato trovato

  • Scandalo alla Croce Rossa, il presidente denuncia ammanchi per 300 mila euro

  • Amazon a Colleferro, al via la selezione per i magazzinieri. Ecco come fare per candidarsi

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento