La Comunità ebraica di Roma piange la morte di Emanuele Pacifici

Si è spento con il sorgere del sole, Emanuele Pacifici, figlio del Rabbino Riccardo Pacifici e di Wanda Abenaim, padre di Riccardo Pacifici, presidente della Comunità Ebraica di Roma. Importante figura dell'ebraismo romano, aveva 83 anni.  Oggi...

1340

Si è spento con il sorgere del sole, Emanuele Pacifici, figlio del Rabbino Riccardo Pacifici e di Wanda Abenaim, padre di Riccardo Pacifici, presidente della Comunità Ebraica di Roma. Importante figura dell'ebraismo romano, aveva 83 anni. Oggi alle 14 si terranno i funerali religiosi all'interno del cimitero ebraico di Prima Porta. Ne dà notizia il portavoce della Comunità Ebraica di Roma, Fabio Perugia: «Oggi suo figlio Riccardo, il Consiglio della Comunità Ebraica di Roma e tutto l'ebraismo lo ricordano commossi»

Nato il 15 giugno del 1931, Emanuele Pacifici scampò alla Shoah nascondendosi dai cacciatori nazisti, ospitato nel collegio delle suore di Santa Marta a Settignano (Firenze) quando era ancora adolescente. I genitori furono entrambi trucidati nelle camere a gas di Auschwitz-Birkenau. Finita la guerra, ritrovato da un soldato della Brigata Ebraica all'interno del convento, Emanuele Pacifici tentò di fare l'Alyah (la ''salita'' verso Israele), ma una terribile malattia gli impedì di partire. Restò in Italia divenendo la guida della rinata Comunità ebraica di Roma.

Ha dedicato tutta la sua vita alla registrazione degli eventi che hanno coinvolto l'ebraismo lungo decenni. Grazie al suo lavoro di raccolta ha ricostruito la storia delle Comunità ebraiche italiane, in particolar modo di quelle scomparse, e ha conservato la più ampia documentazione sul rabbinato di Rav Elio Toaff. Custode geloso del suo archivio e della sua biblioteca ha dato la possibilità a tutti - dagli alunni ai professori, dai Rabbini agli uomini di Chiesa - di poter studiare gli avvenimenti che hanno coinvolto l'ebraismo italiano.

Il 9 ottobre del 1982 Emanuele Pacifici fu coinvolto nel tragico attentato al Tempio Maggiore di Roma dove morì il piccolo Stefano Gaj Tachè. L'esplosione lo ferì lasciandolo in fin di vita. Venne salvato dai medici dell'ospedale del Fatebenefratelli dopo aver lottato per mesi contro la morte. Neppure quell'episodio fermò la sua missione. Emanuele Pacifici continuò per tutta la vita a studiare e a registrare la storia, gli usi e le tradizioni dell'ebraismo italiano.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Weekend in Ciociaria, cosa fare sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Giovane vola giù dal balcone in piena notte e muore sul colpo

  • Scappa di casa con la figlioletta. Torna, la lascia con il padre e se va dal suo nuovo amore conosciuto in rete

  • Alatri, l'ultimo e straziante saluto a Marco Cialone

  • Fiuggi, botte alla mamma. Due sorelline la salvano con una videochiamata alla nonna

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento