È morto Giuseppe Ciarrapico. L’editore ciociaro più conosciuto

Si è spento questa mattina in un letto di una clinica romana dove era ricoverato da alcuni giorni. Nel frusinate le sue attività più importanti in ambito editoriale

E’ morto questa mattina in un letto di una nota clinica romana Giuseppe Ciarrapico.  Imprenditore molto noto sia a Roma ma anche in Ciociaria ed a Latina dove ha fondato i giornali Ciociaria Oggi e Latina Oggi. Inoltre è stato gestore delle terme di Fiuggi dal 1991 al 1993, presidente dell’AS Roma e senatore del Popolo delle libertà.

Negli anni si avvicinò alla corrente andreottiana della DC, rimanendo contemporaneamente amico di Giulio Andreotti e del segretario missino Giorgio Almirante. Divenne presidente delle terme di Fiuggi. Continuò comunque a stampare i manifesti dell'MSI (la voce più cospicua delle spese di quel partito) nella sua azienda tipografica di Cassino.

Fu soprannominato il "Re delle acque minerali", essendo proprietario delle grandi terme. Organizzò in quegli anni il Premio Fiuggi, un premio internazionale che vide la presenza del presidente sovietico Michail Gorbačëv, al tempo protagonista della perestrojka.

Potrebbe interessarti

  • Coop, ultima settimana di attività: chiusura fissata per il 22 giugno

  • Incendio alla Mecoris, livelli di Pm10 alti. Chiusi gli uffici pubblici e stop alle attività private

  • Ha pedalato per 19 ore di seguito lungo i tornanti di Montecassino, è record

  • Il Lazio Pride? Una partenza con il botto

I più letti della settimana

  • Brucia azienda di smaltimento rifiuti speciali, nube nera su Frosinone. Aria irrespirabile

  • Coop, ultima settimana di attività: chiusura fissata per il 22 giugno

  • Ceprano, giornalista muore dopo essere stata al pronto soccorso, sequestrata la salma

  • Strangolagalli, imprenditrice di 47 anni, schiacciata da un muletto, una morte tinta di giallo

  • Colleferro, ispettore di Polizia si sente male in commissariato e muore in ospedale

  • Roccasecca, tre vigili urbani non vanno in processione: condannati a sei mesi di carcere

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento