Piedimonte, infortunio mortale all'FCA, la vittima è Fabrizio Greco

L'operaio, che tra qualche giorno avrebbe compiuto quaranta anni, è stato colpito in pieno dal gancio di uno stampo. Lascia la moglie e due bambine. Inutile ogni soccorso. Indagini in corso da parte di carabinieri e magistratura

Un gravissimo infortunio sul lavoro si è verificato la scorsa notte all'interno della Fca. A perdere la vita, schiacciato da una pressa a freddo, è stato un operaio di Pontecorvo, il quarantenne Fabrizio Greco che stava facendo manutenzione dopo il blocco del macchinario. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Piedimonte San Germano e il magistrato di turno presso la Procura di Cassino, la dottoressa Valentina Maisto che, al termine di diversi sopralluoghi effettuati anche con gli ispettori dello Spresal, coordinati dal dottor Alessandro Varone, ha aperto un fascicolo contro ignoti al momento per 'omicidio colposo'. La salma del povero operaio, deceduto probabilmente per un violento colpo al torace ed al collo, è stata trasferita presso l'obitorio del 'Santa Scolastica'. Qui sarà sottoposta all'autopsia.

Le parole dell'azienda

"L’Azienda esprime, anche a nome di tutti i dipendenti, profondo cordoglio e vicinanza alla famiglia per la tragica scomparsa di Fabrizio Greco deceduto la scorsa notte nello stabilimento di Cassino durante il turno di lavoro. Sono state subito attivate tutte le iniziative a sostegno dei suoi familiari e l’Azienda sta collaborando attivamente con le autorità competenti che stanno compiendo gli accertamenti sulle cause dell’incidente tragico ed eccezionale".   

La vicinanza della FIOM

La Fiom Cgil, nella persona del segretario generale provinciale Donato Gatti, ha indetto un'assemblea mentre le linee del reparto Presse sono bloccate. "Siamo vicini alla famiglia dello sfortunato operaio che lascia una moglie e due bambine in tenera età. Saranno le indagini a ricostruire questo terribile infortunio ma nel frattempo il nostro sindacato terrà alta la guardia". Gli operai hanno incrociato le braccia per otto ore.

Il cordoglio del Presidente Zingaretti

"A nome mio e di tutta l’Amministrazione regionale voglio esprimere cordoglio e vicinanza alla famiglia dell’operaio che questa notte ha perso la vita presso lo stabilimento Fca di Cassino. Mi auguro che la Magistratura possa chiarire al più presto le dinamiche dell’incidente e accertare eventuali responsabilità. La sicurezza sui luoghi di lavoro deve restare al centro dell’agenda di governo, tutelare la vita di chi lavora è la priorità inderogabile di un Paese moderno e civile”. Lo dichiara in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Domani, tavolo tecnico a Cassino

'Esprimiamo vicinanza e cordoglio alla famiglia dell’operaio deceduto questa notte per un incidente nel sito industriale della FCA di Cassino. Purtroppo si tratta di un'altra morte bianca che si registra nel Lazio, un fenomeno contro il quale la Regione ha elaborato anche un protocollo d'intesa in grado di agire positivamente e concretamente a partire dalla prevenzione. Il protocollo regionale "più  salute e sicurezza sul lavoro", siglato con 30 rappresentanti tra istituzioni, associazioni datoriali e parti sociali, prevede precisi impegni per ciascun soggetto in merito alla prevenzione e al contrasto agli incidenti sul lavoro. Oggi non ci possono essere più scuse. È il momento di una piena acquisizione di responsabilità da parte di tutti. Nella giornata di domani ho convocato a Cassino alle ore 11:30 una riunione con tutte le parti firmatarie del protocollo, sapendo che la vera sfida per tutti è che nessuno muoia più sul lavoro'. Così in una nota Claudio Di Berardino, assessore al Lavoro e Nuovi diritti della Regione Lazio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roccasecca, la sua moto si scontra con un'auto e muore a ventotto anni

  • Auto di lusso importate dall'estero, truffati politici e calciatori di caratura nazionale. 9 arresti in Ciociaria

  • Giovane vola giù dal balcone in piena notte e muore sul colpo

  • Tre quintali di carne, pesce e salumi sequestrati al mercato. Ambulanti ciociari si scagliano contro i vigili urbani

  • Fiuggi, botte alla mamma. Due sorelline la salvano con una videochiamata alla nonna

  • Omicidio Morganti, concessi i domiciliari a Paolo Palmisani. Tornerà a casa con il bracciale elettronico

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento