Regione, per Bracciano incontro positivo con i sindaci attendiamo piano acea ato 2

Questa mattina gli assessori regionali alle Infrastrutture e Enti Locali, Fabio Refrigeri e quello all’Ambiente, Mauro Buschini hanno incontrato nella sede della Regione Lazio una rappresentanza degli amministratori dei comuni del lago di...

Lago di Bracciano - Copia

Questa mattina gli assessori regionali alle Infrastrutture e Enti Locali, Fabio Refrigeri e quello all’Ambiente, Mauro Buschini hanno incontrato nella sede della Regione Lazio una rappresentanza degli amministratori dei comuni del lago di Bracciano.

“E’ stato un incontro positivo – hanno commentato congiuntamente gli assessori – i sindaci ci hanno chieste certezze rispetto al blocco del prelievo di acqua dal lago stabilito per il 1° di settembre e di conoscere il piano di interventi previsto da Acea Ato2 nel breve e nel lungo periodo. Da parte nostra abbiamo illustrato ai sindaci tutte le misure che stiamo applicando per il controllo del livello dell’acqua e dei prelievi e l’intenzione di rendere questo controllo online h24, quindi verificabile di tutti. Ci siamo lasciati con l’intenzione di avere il prima possibile il piano di interventi ad Acea Ato 2 e verificarlo con i sindaci entro 48 ore per fare il punto”.

SANITA; ABRUZZESE (FI): APPROVATO IN COMMISSIONE EMENDAMENTO PER ACCORDI ASL-COMUNI SU CONCESSIONE BENI IMMOBILI DI PROPRIETÀ

"E' stato approvato in Commissione un emendamento al collegato di bilancio, a firma del sottoscritto e degli altri consiglieri regionali del gruppo Forza Italia Aurigemma, Palozzi e Simeone, concernente la possibilità da parte delle ASL del Territorio e i comuni competenti di fare accordi sulla concessioni di beni immobili di proprietà non finalizzati ad attività istituzionale e non utilizzati per la realizzazione di attività di interesse sociali". Lo ha dichiarato Mario Abruzzese consigliere regionale di Forza Italia e presidente della Commissione Speciale Riforme Istituzionali.

" Gli accordi sono conclusi sulla base di progetti condivisi e sono trasmessi, prima della conclusione, alle strutture amministrative regionali competenti, in materia di sanità e Damiano e Patrimonio.

È uno strumento, un modo per valorizzare dei beni che presi in considerazione ed inseriti in un progetto organico, soprattutto con il supporto delle istituzioni possono diventare un valore aggiunto per il territorio a livello sanitario. Quando si parla di valorizzazione, non lo si fa solo in termini economici; ma anche e soprattutto in termini sociali. Insomma, un provvedimento che potenzialmente potrebbe sicuramente concedere nuovi spazi al sistema socio-sanitario della Regione Lazio con i notevoli vantaggi che ne potrebbero derivati per l'offerta dei servizi destinati ai cittadini.

Se il bene è disponibile, quindi non ha già un altro uso di destinazione e non è ancora stato impegnato per nessun altro processo di valorizzazione, il le aziende sanitarie posso richiederne l'utilizzo e po condividerne il progetto con le amministrazioni comunali". Ha concluso Abbruzzese.

BILANCIO, SIMEONE (FI): “SOLITA PROPOSTA DI LEGGE SCOLLEGATA DALLE EMERGENZE CHE ATTANAGLIANO CITTADINI. SERVE UNA ZINGAREXIT”

“Oggi in consiglio regionale è iniziata, con la discussione generale, l'analisi del cosiddetto mini collegato al bilancio. In un'aula in cui a farla da padrone erano le sedie vuote della maggioranza e l'assenza, ormai storica e strutturale, del presidente Zingaretti si misurava perfettamente l’incapacità di chi governa questa Regione di agire nell’interesse delle comunità che siamo chiamati a rappresentare. Nella proposta di legge concernente “Disposizioni concernenti misure integrative, correttive e di coordinamento in materia di finanza pubblica regionale” di integrazioni, correttivi e coordinamenti non troviamo nulla. Tanto che il testo è solo l’ennesimo atto scollegato dalla vita reale, dalle problematiche che attanagliano la vita dei cittadini, degli Enti locali, delle imprese. E’ la sintesi perfetta di una Regione che rispetto ai problemi dei territori si volta dall’altra parte. Lo ha fatto e continua a farlo sull’emergenza legata alla chiusura del Ponte sul Sisto su cui da settimane attendiamo un cortese cenno di riscontro da parte di Zingaretti. E su cui a parte il silenzio non c’è niente. In quattro articoli, compresa l’entrata vigore, oltre a scarni manifesti elettorali non c’è una sola misura che risponda alle tante, tantissime emergenze, dalla sanità alla crisi idrica, dai rifiuti alle infrastrutture, che segnano la vita dei cittadini e che stanno uccidendo i nostri territori. Oggi Zingaretti è chiamato alla responsabilità di governare eppure riesce solo a sottrarsi anche a quelle misure che richiamano al buonsenso. Tanto che solo dopo una lunga battaglia in commissione siamo riusciti a far inserire nella proposta di legge l’emendamento, che in prima battuta era stato rigettato, presentato da Forza Italia per garantire il diritto alla mobilità a tutti i cittadini del Lazio e favorire l’accesso al servizio alle persone con disabilità o mobilità ridotta tramite l’adeguamento del parco mezzi, con l’installazione di apposite piattaforme, di tutte le società che operano nel settore del trasporto pubblico regionale. Un emendamento che puntava ad abbattere le discriminazioni. E che ha dimostrato solo quale sia la sensibilità e la percezione che Zingaretti e la sua giunta hanno della situazione in cui vivono le persone meno fortunate di noi. In questi giorni lavoreremo in aula affinchè le misure correttive presentate siano approvate. Ci impegneremo perché alle solite chiacchiere subentrino i fatti. Dopo quattro anni e mezzo le parole hanno stancato. E l’unica cosa che i cittadini, comprensibilmente, invocano è la Zingarexit”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Simeone

PATRIMONIO. TORQUATI (PD): "RESTITUITE DELEGHE IMPORTANTI. MAZZILLO STIA LONTANO DA CHAT"

ROMA - "Apprendiamo con stupore e preoccupazione la restituzione alla Sindaca delle deleghe al Patrimonio, dopo quelle sull'emergenza abitativa, da parte dell'Assessore Mazzillo. E apprendiamo che lo stesso ha pensato a questo gesto perché da una chat ha scoperto che la Sindaca sta procedendo alla nomina di un nuovo Assessore con delega appunto a Emergenza abitativa e Patrimonio. Al di là del cattivo gusto di chi non rispetta la propria squadra di Governo e del giudizio negativo diffuso che la città ormai restituisce a questa maggioranza a 5 Stelle, mi sento di dire a Mazzillo di stare lontano dalle chat. Non mi sembra che abbiano portato fortuna a questa Sindaca e ai suoi collaboratori. Meglio sembrare antichi e incontrarsi, che trovarsi tra "4 amici al bar" senza alcuna cognizione di conversazioni magari neanche lette. Ci possiamo consolare con una battuta, ma la situazione è sempre più ridicola: Roma è senza una guida e senza un progetto, con una Giunta di persone che non si parlano, con ogni settore al collasso". Così in una nota Daniele Torquati, capogruppo Pd in Municipio XV

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba tolta alla madre, irruzione dei poliziotti nella casa famiglia

  • Arce, 42enne trovato privo di vita in un'auto. Ecco chi è la vittima

  • Suora indagata, un'altra mamma racconta: "faceva dormire mia figlia nel letto intriso di urine"

  • Sanità, addio codice rosso nei Pronto Soccorso. Dal 2020 i numeri sostituiranno i colori

  • Alatri, Francesco Scarsella accusato di omicidio stradale sconterà la pena ai domiciliari

  • Intasca 10 mila euro che doveva versare al cliente, avvocato condannato

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento